Delinquenti, non tifosi

Delinquenti, non tifosi

Se entri in metropolitana, scendi alla fermata Lotto o San Siro, per andare a vedere la tua squadra del cuore, sei un tifoso.

Se parti da Varese e vai a “San Siro” a tifare per la tua squadra del cuore, sei un tifoso.

Se parti da Nizza, in Costa Azzurra, per andare a “San Siro” a vedere la tua squadra del cuore, sei un tifoso.

Se parti da Varese e Nizza, per andarti a unire ad altri che decidono di guerreggiare con chi segue la squadra avversaria, non sei un tifoso. Ma un delinquente che utilizza il calcio come pretesto per sfogare cattiveria, rabbia repressa e ignoranza.

Ed è il momento di chiamare ognuno con il proprio nome. È il momento di iniziare, una volta per tutte, a fare dei distinguo. C’è il tifoso. E c’è il delinquente.

Domanda. Se domattina mi svegliassi, mi infilassi, la maglia del Chievo, prendessi una pistola e andassi a rapinare una banca, come mi definireste?

Articoli correlati

Game over?

E adesso? Si blocca tutto o si attende ancora? L’Uefa tergiversa, le federazioni più importanti del Vecchio Continente, con l’Italia in testa, vorrebbero lo stop delle Coppe e un rinvio, inizialmente di qualche giorno dell’Europeo. E il buon senso cosa dice? Che la situazione è grave, anomala, al momento ingovernabile, che previsioni ottimistiche sui tempi […]

Lazio che sorpresa!

La vera rivelazione di questa stagione 2019-20: un gioco spumeggiante, interpreti di qualità e un attaccante che sta segnando con una continuità impressionante. E dietro, un progetto ben orchestrato da Inzaghi, Tare e Lotito.

Juve prima, ma ora che accade?

La Juventus ha vinto 2-0. Lo ha fatto con merito, giocando un secondo tempo migliore di quanto abbia fatto l’Inter, che aveva concluso in crescendo la prima parte di gara. Ora la squadra di Sarri è prima, con un punto in più della Lazio e nove sull’Inter. Fin qui il calcio. Se volete aggiungiamo anche […]