9 maggio: finale Coppa Italia

9 maggio: finale Coppa Italia

L’apertura non può che essere sulla partitissima del 9 maggio, la finale di Coppa Italia, che quest’anno ripropone uno dei classici del calcio italiano: Juventus-Milan. Non sarà la sfida di Champions del 2003, ma l’importanza è massima da ambo le parti. Per risollevarsi dopo le scorie della cocente eliminazione per mano del Real Madrid in casa bianconera, per salvare una stagione al di sotto delle aspettative in ambito rossonero. Il focus sulla sfida a pagina 6 a cura di Cesare Barbieri.

A pagina 37, invece, Agenore Maurizi analizza la conclusione a rete e in che modo allenarla, a seconda anche della zona di campo in cui ci si trova. Per quanto concerne il settore giovanile, a pagina 74, Giovanni Valenti approfondisce il concetto di terzo uomo e l’importanza da parte dei ragazzi di saper leggere le situazioni in base alla posizione di compagni e avversari. Alla stessa fascia d’età si rivolge l’articolo di Lorenzo Simeoni, che pone l’attenzione sulla possibilità di codificare gli allenamenti in modo mirato per ogni singolo calciatore, differenziando i programmi delle sedute (pagina 78).

Per l’attività di base, invece, si segnala lo scritto di Andrea Biffi, che vuole stimolare il comando del gioco e il modo migliore per insegnarlo ai nostri giovani calciatori (pagina 88). Dell’area fisica, come di consueto, si è occupato Simone Lorieri, che ha incentrato il suo lavoro sui mezzi e i metodi per allenare la speed ability (pagina 54). Il tutto corredato dal video inerente all’articolo, che si può vedere sul sito della rivista e sui nostri social.

Da non perdere, infine, il focus sulla Serie B femminile a cura di Teresa Palopoli (pagina 64), che ha analizzato l’interessantissimo post-season che ci attende e i cambiamenti previsti per l’anno prossimo.

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]