Le attivazioni fisiche e motorie

Le attivazioni fisiche e motorie

Alcune proposte di riscaldamento adatte a ogni seduta e scandite secondo le varie finalità che si intendono perseguire.

Messa in moto, messa in azione, riscaldamento, warm-up, attivazione. In qualsiasi modo decidiamo di chiamarla la parte iniziale della seduta rappresenta un momento cardine dell’allenamento. Se dividiamo la sessione nelle classiche tre fasi (iniziale, centrale e finale), anche a livello d’impatto, capiamo che la prima rappresenta il momento di “presa di contatto” coi giocatori, il modo in cui si apre l’allenamento.

Se svolta correttamente, è molto importante e utile in quanto:

– migliora la coordinazione generale e gesto-specifica;
– aumenta la temperatura corporea, riducendo gli attriti articolari, e la viscosità del muscolo, facilitando le reazioni biochimiche all’interno dello stesso;
– riduce il rischio di infortuni (soprattutto quelli muscolari);
– predispone e prepara il fisico ai carichi successivi o alla gara.

L’obiettivo di questo articolo è quello di analizzare alcuni differenti tipi di riscaldamento che possiamo proporre con un gruppo di una categoria giovanile. Il presupposto è inserire le proposte in modo razionale all’interno del microciclo, in correlazione all’obiettivo prefissato in quella data sessione. Prima di entrare nel vivo delle proposte, verifichiamo la struttura di un microciclo con quattro sessioni (è quella che utilizziamo a Cagliari, seguendo le linee guida societarie e con lo staff tecnico); comunque, i vari warm-up possono essere utilizzati anche in settimane con meno allenamenti.

Scopri di più sul numero di novembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]