In equilibrio con la slackline

In equilibrio con la slackline

L’utilizzo di questo strumento per il miglioramento delle capacità coordinative, in particolare dell’equilibrio, coi giovani giocatori.

Durante una partita, i giocatori sono spesso soggetti a ripetute perturbazioni posturali che si manifestano, nella maggior parte dei casi, durante duelli fisici e movimenti repentini (con e senza la palla), spesso accentuati dalle insidie del terreno di gioco.

Tali perturbazioni richiedono al giocatore spiccate doti di equilibrio, sia in regime statico sia dinamico, per contrastarne gli effetti negativi (perdita di equilibrio) e soddisfare al meglio tutte le richieste fisiche e coordinative del gioco. La ricerca di approcci e attività sempre diverse e motivanti (per esempio, lo slacklining) diventa cruciale per favorire la partecipazione attiva dei più piccoli all’allenamento proposto e alla loro crescita motoria a 360 gradi. Con il termine slacklining s’intende un’attività (per esempio cammino o salto) svolta sopra una fettuccia di nylon (o poliestere) fissata a due estremità, il cui nome deriva proprio dallo strumento impiegato: slackline. Generalmente, la slackline si compone di due lembi (uno corto e uno lungo) dello stesso materiale, ciascuno dei quali presenta un’asola a una delle due estremità. Inoltre, sul lembo più corto, s’inserisce un cricchetto a leva con impugnatura ergonomica con cui, una volta fatto passare al suo interno il lembo più lungo, è possibile tendere l’intera fettuccia alla tensione desiderata.

Scopri di più sul numero di maggio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceodigitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]