IL SETTORE GIOVANILE DELLA SAMPDORIA

IL SETTORE GIOVANILE DELLA SAMPDORIA

Le modalità di lavoro coi giovani del club blucerchiato. La selezione, l’intervento degli allenatori e i consigli di Giovanni Invernizzi, il responsabile.

Dopo essere stati all’Inter da Roberto Samaden, alla Fiorentina con Vincenzo Vergine e alla Roma da Bruno Conti, in questa puntata sulle modalità operative dei vivai italiani siamo andati a Genova, sponda Sampdoria, e abbiamo incontrato il responsabile Giovanni Invernizzi. Con lui proveremo a fare il punto della situazione sull’operato blucerchiato coi ragazzi e sull’evoluzione di questo mondo nel corso degli ultimi 30 anni. Infatti, Invernizzi è stato prima giocatore, poi allenatore e ora responsabile tecnico della Samp. Ci spiegherà la filosofia, la stretta sintonia e collaborazione che ha cercato di stimolare tra i vari allenatori e purtroppo le difficoltà nella selezione del giovane calciatore dovuta alle caratteristiche del territorio ligure.

L’articolo completo su IL NUOVO CALCIO di giugno in edicola o in abbonamento

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]