Il lato forte

Il lato forte

Come provare a sfruttare la zona più lontana dal gioco dopo aver attratto gli avversari dove si desidera. L’importanza di non dimenticare il gioco in verticale.

La ricerca del lato debole è legata alla percezione del giocatore che permette allo stesso di riconoscere se il gioco è aperto oppure chiuso. La domanda che il calciatore si deve porre è la seguente: “Ho campo per trasmettere palla o per condurre”? Partendo da questo quesito, sommato al principio della dilatazione (occupazione) dello spazio, con un focus particolare sull’ampiezza, Michele Saltori ha cercato di proporre delle situazioni mirate a sollecitare questo tipo di soluzione in maniera non codificata. L’obiettivo delle proposte illustrate nell’articolo è quello di capire come provare a sfruttare la zona più lontana dal gioco dopo aver attratto gli avversari dove si desidera, sottolineando l’importanza di non dimenticare il gioco in verticale.

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]