Così sono i bambini

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Piccoli Amici e le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro.

Nel considerare il contesto socio-culturale attuale è fondamentale partire dal tempo/spazio vissuti dal bambino nel momento libero della sua giornata (che spesso manca). I pochi stimoli al gioco di movimento, dovuti alla sedentarietà del bambino di oggi, portano a una sorta di analfabetismo degli schemi motori di base, oltre che relazionale e sociale. Pertanto è di fondamentale importanza considerare le differenze individuali sia in termini di diversità biologica, che quasi mai coincide con quella anagrafica, sia i differenti stimoli (in frequenza e intensità) socio educativi-motori vissuti. Premesso questo, è importante che l’educatore/allenatore possieda delle conoscenze teoriche di riferimento sui cambiamenti psicologici e fisici delle diverse fasi evolutive dei Piccoli Amici (bimbi di 5-6 anni).

Chi sono? 

Partiamo analizzando l’area motoria: all’età di 5 anni il bambino organizza abbastanza bene le sue abilità motorie di base, ovvero camminare, correre, saltare e inizia a controllare e coordinare meglio i movimenti, a renderli più economici, meno dispersivi. L’attività motoria si risolve quasi sempre nel gioco, nel quale il bambino, immergendosi interamente, esprime il suo desiderio di superamento e di affermazione, e sente il bisogno di cercarsi un mondo fantastico dove muoversi a proprio agio. A 6-7 anni siamo nella fase di transizione tra l’infanzia e la fanciullezza: il bambino sta prendendo coscienza di sé e del mondo esterno; il modo spontaneo di muoversi tende a sparire, sempre più condizionato dall’ambiente. Il suo strumento di comunicazione è ancora il gioco: un gioco semplice d’identificazione alla sua portata. Infatti, preferisce imitare più che inventare e attraverso queste esperienze motorie impara a scoprire il proprio corpo e come questo si esprime attraverso i gesti e il movimento. In tal modo effettua un primo e corretto approccio con il mondo esterno e con i compagni. A 7 anni il fanciullo esprime la sua attività motoria in modo più dinamico, chiassoso ed esuberante. Ha già acquisito un notevole equilibrio nei movimenti ed è quindi in grado di eseguire esercizi combinati. Ha una migliore conoscenza di sé e un più chiaro senso delle dimensioni del tempo e dello spazio, ma non è capace di servirsene in modo consapevole. È più socievole che non a 6 anni, ma ancora non ha sviluppato la collaborazione nel gioco e nel gruppo.

Scopri di più sul numero di novembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

>> Tutti gli articoli del SETTORE GIOVANILE

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]