Accelerazioni e decelerazioni, quanto conta la forza

Accelerazioni e decelerazioni, quanto conta la forza

Sprint, arresti e ripartenze durante gli allenamenti rivestono più che mai un ruolo determinante nel calcio perché si alternano frazioni ad alta e bassa intensità. Come lavorare in modo efficace coi giovani.

Il calciatore nel corso della partita è chiamato sempre più frequentemente a svolgere attività a intensità massimale o sub-massimale, spesso con recuperi variabili molto brevi. Il risultato finale della gara è nella maggior parte dei casi deciso da azioni di questo tipo, a cui prendono parte più giocatori contemporaneamente. Nonostante l’evoluzione della tecnologia di rilevamento e il ruolo sempre più importante della match analysis, non è possibile prevedere quando, effettivamente, queste azioni dovranno essere messe in atto, considerando che il calcio è uno sport situazionale. I calciatori, quindi, dovrebbero essere allenati in modo tale da eseguire un’attività ad alta intensità ogni qual volta il gioco lo richieda. Nel settore giovanile della Sampdoria riteniamo di fondamentale importanza il principio per cui l’allenamento debba essere il più funzionale possibile e basarsi sulle reali esigenze di gara; in questo senso sosteniamo che il training funzionale della forza rivesta un ruolo determinante per supportare azioni ad alta intensità reiterate nel tempo. Il risultato migliore, che è quello che perseguiamo, è cercare di applicare sempre con successo i miglioramenti condizionali in relazione al gioco e non in senso assoluto. Nell’articolo il focus sarà im- prontato su accelerazioni e decelerazioni, intese come mezzo di allenamento della forza specifica e sul perché vengano inserite all’interno delle nostre sedute.

Scopri di più sul numero di ottobre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]