Cambio di sistema

Cambio di sistema

Che tipologia di trasformazioni possono avere i vari sistemi di gioco nelle due fasi.
Come difendere in un “modo” e attaccare in un altro.
Alcuni esempi pratici.

Penso che i sistemi di gioco debbano essere qualcosa di fluido, qualcosa che possa trasformarsi in continuazione. Sia in possesso sia in non possesso visto che entrambe le fasi sono strettamente collegate tra loro. E soprattutto dal non possesso al possesso (argomento di questo articolo). Per quanto riguarda la fase offensiva è importante preparare i propri uomini a modificare le “linee” e le “strutture” (formando triangoli, rombi e/o quadrilateri) per rendere imprevedibile lo sviluppo offensivo. Per comandare la manovra, inoltre, uno dei concetti primari è quello di portare diversi giocatori nei pressi dell’area avversaria (“ultimo quarto di campo”): questo consente di causare difficoltà agli avversari grazie al gioco corto e alla ricerca di palloni filtranti tramite, ad esempio, passaggi chiave.

Di conseguenza, sono indispensabili elementi capaci di gestire il pallone, che abbiano la personalità di riceverlo anche in situazione di difficoltà, sappiano costruire da dietro e trovare le soluzioni migliori per conquistare campo. Il tutto senza tralasciare la fase di non possesso, determinante in quanto nel calcio moderno è strettamente legata a quella in cui si ha la palla.
Infatti, i giocatori devono essere pronti alla riconquista in caso di perdita del possesso agendo immediatamente oppure, se questo non fosse possibile, retrocedere a protezione della porta. Detto ciò, proviamo a capire come e perché modificare i sistemi di gioco agendo in fase difensiva in un modo e in quella offensiva in un altro.

Scopri di più sul numero di ottobre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]