Grid List

A scuola di calcio

Libro in primo piano

Il nuovo libro curato da Luca Bignami e Marco Mingardi illustra come agire nel modo migliore coi bambini di Piccoli Amici, Primi Calci e Pulcini. Un testo da non perdere per chi lavora coi piccoli.

Alla base di una società calcistica forte e florida vi è il settore giovanile. Elemento portante di questo sono gli istruttori e i bambini. Proprio a loro si rivolge il libro numero 14 della collana Gli Indispensabili, scritto da Luca Bignami, allenatore Uefa B e coordinatore dell’area tecnica de Il Nuovo Calcio, e Marco Mingardi, allenatore Uefa B, ora al settore giovanile della Feralpisalò, e coordinatore del settore attività di base della nostra rivista. Un viaggio nel mondo dei più piccoli, alla scoperta di come si deve comportare un buon allenatore nelle tre categorie che aprono la scuola calcio: Piccoli Amici, Primi Calci e Pulcini.

Un testo che abbraccia tutte le componenti che caratterizzano il “lavoro” dell’istruttore, dalle parole da usare coi bambini, ai comportamenti da tenere con loro, fino ad arrivare alla gestione degli spogliatoi e all’organizzazione di allenamenti e partite. Abbiamo scoperto con gli autori le caratteristiche principali del libro e gli spunti più interessanti che racchiude.

L'intervista agli autori su Il Nuovo Calcio di dicembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Indi ascuoladicalcio

 

A SCUOLA DI CALCIO: Insegnare a Piccoli Amici, Primi Calci e Pulcini

Introduzione
Capitolo 1. L’istruttore prima dell’allenamento
Capitolo 2. L’istruttore e l’allenamento
Capitolo 3. Le categorie e gli obiettivi
Capitolo 4. La metodologia e la seduta dell’allenamento
Capitolo 5. Le proposte pratiche
Capitolo 6. L’istruttore prima della partita
Capitolo 7. L’istruttore durante la partita

Numero pagine: 144
Prezzo: euro 16,00
ACQUISTA SUBITO

 

GROIN PAIN SYNDROME

Libro in primo piano

Un nuovo metodo per la "pubalgia"
Tre autori noti esperti di medicina e riabilitazione approfondiscono i temi che riguardano la pubalgia una patologia particolarmente frequente tra gli sportivi.

Il libro che nasce dai risultati ottenuti durante la Groin Pain Synrome Consesum Conference che si è tenuta a Milano nel 2016 parla di prevenzione e trattamento conservativo dell'infortunio ed è utile se non addirittura indispensabile per i preparatori atletici, i medici sportivi, fisioterapisti, sport phsiologists e studenti di scienze motorie.

libro Groinpain



La novità del mese


GROIN PAIN SYNDROME
Un nuovo modo di "leggere" la pubalgia

Numero pagine: 160
Prezzo: euro 18,00

ACQUISTA ORA

Dopo l’uscita di ben 13 Indispensabili, oltre a quello di Scienza&Sport, è con piacere che il direttore de Il Nuovo Calcio presenta una nuova iniziativa editoriale: I Tattici.
Di cosa si tratta? Ce lo spiega Ferretto Ferretti: «Sono una serie di libri monotematici dedicati a tutti quelli che sono gli aspetti tattici del calcio moderno. Siamo partiti dal 4-4-2 e abbiamo già programmato almeno altre 3 uscite, incentrate su diversi sistemi di gioco, oltre a un testo su una metodologia ormai molto diffusa, quella dell’allenamento per princìpi. Inoltre, stiamo pensando a un volume interamente dedicato alle palle inattive.»

Anche questi libri manterranno le caratteristiche che sono state il successo de Gli Indispensabili?
«Sicuramente! Saranno testi di facile lettura, diretti e concreti, con numerosi spunti che l’allenatore può portare sul campo. Sempre a un prezzo accessibile a tutti, 16 euro.»

Ma la collana de Gli Indispensabili si concluderà con l’ultima uscita, quella di Giovanni Messina e Stefano Florit?
«No, anzi, la serie di libri continua: infatti in autunno vi sarà il 14esimo. Abbiamo fatto questa scelta di slegare quelli sulla tattica dal resto de Gli Indispensabili perché gli argomenti sono sicuramente numerosi, hanno un filo conduttore comune e devono essere ben approfonditi per entrare in quei dettagli che nel calcio degli adulti fanno la differenza. Per questi motivi sono nati I Tattici. E sono contento che Mario Beretta e Martino Melis abbiano accettato di essere gli autori del primo testo.»

itattici

 

Autori: Mario Beretta e Martino Melis
Numero pagine: 128
ACQUISTA SUBITO

KAPPA STARCH FG

Scarpa in vetrina

Tomaia in microfibra sintetica con elementi in gomma iniettati sull'avampiede e contrafforte tallonare, esterno, incorporato alla suola. Allacciatura asimmetrica. Plantare sagomato in EVA, estraibile. Suola in materiale termoplastico (TPU) con supporto interno in fibra di nylon e dotata di 13 tacchetti di forma triangolare. Indicata per atleti di medio e alto livello tecnico.

KAPPA STARCH FG
categoria: calcio tacchetti fissi su fondo naturale
misure: US da 7m a 11m
prezzo: euro 159,00

Per un panorama più ampio sulle calzature, richiedi la rivista Scarpe & Sport autunno 2017 a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SKECHERS GO SOCCER INDOOR

Scarpa in vetrina

Tomaia realizzata senza cuciture, in materiale tecnico sintetico. Allacciatura tradizionale. Plantare in GoGa Max Technology. Intersuola in 5GEN stampato e a iniezione. Suola in gomma naturale, resistente all'abrasione. Differenziale 8 mm.
Indicata per giocatori di medio e alto livello tecnico.

SKECHERS GO SOCCER INDOOR
categoria: calcio a 5 indoor
misure: EUR da 39m a 48
peso: g 244
prezzo: euro 84,95

Per un panorama più ampio sulle calzature, richiedi la rivista Scarpe & Sport autunno 2017 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PUMA 365 IGNITE NETFIT CT

Scarpa in vetrina

Tomaia realizzata su struttura slip-on, in mesh con applicazioni di rinforzo termosaldate e gabbia di contenimento Netfit. Allacciatura integrata e a sostegno della tomaia tramite la gabbia Netfit. Plantare sagomato in EVA, estraibile. Intersuola in Ignite Foam. Suola in gomma, ad alta trazione.
Indicata per atleti di medio e alto livello tecnico.

PUMA 365 IGNITE NETFIT CT
categoria: calcio a 5 indoor
misure: UK da 6 a 12
prezzo: euro 120,00

Per un panorama più ampio sulle calzature, richiedi la rivista Scarpe & Sport autunno 2017 a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Quante volte un nostro giocatore si è trovato di fronte all’estremo difensore e gli ha tirato addosso o fuori? Ecco una serie di considerazioni per spiegare e allenare al meglio questa situazione ricorrente in gara.

Esperienze dall’estero
L’intervento dell’allenatore del Benfica Thiago Jorge Pina, che segue il gruppo under 12, all’incontro di aggiornamento organizzato da Sergio Soldano e Gabriele Gervasi. Il tecnico ha offerto una panoramica sulle modalità operative in Portogallo e lavorato sul campo proponendo una serie di esercitazioni con l’obiettivo di attirare l’avversario in una zona e metterlo in difficoltà in un’altra.

Gli speciali de’ Il Nuovo Calcio - L’allenamento della forza
Alcune valutazioni in merito al training di forza per le giocatrici e diverse proposte da campo sui cambi di direzione, correlate anche ai ruoli.

Dries Mertens (Foto: Italy Photo Press)

E' tempo di...

Abbiamo trascorso tutti un pomeriggio in saletta di montaggio, perché volevamo capire se Mertens fosse in fuorigioco o meno. Mentre scrutavamo le immagini, però, sapevamo che il nostro era un esercizio veramente inutile. A parte l’impossibilità di cambiare il risultato nel caso in cui il belga fosse stato al di là di tutti, era chiaro che la posizione potesse irregolare al massimo di 3-4 centimetri. E come li vede l’occhio nudo?

Douglas Costa esulta dopo il suo gol (Foto: Italy Photo Press)

E' tempo di...

Il Toro può giustamente recriminare per la concessione del gol del 2-0. Ma poi serve un esame di coscienza: cosa ha costruito la squadra di Mihajlovic per pareggiare l’1-0 di Douglas Costa oppure cosa ha fatto il Torino prima di subire il gol del brasiliano? Niente! Proprio niente!

La Juventus, non importa quale sia il risultato finale (perché i gol potevano essere ben più di due), ha dimostrato ancora una volta di essere la squadra più forte d’Italia: i titolari sono i migliori e chi subentra giocherebbe in tutte le altre squadre.

Rispetto al Napoli, che ha affrontato comunque un avversario più forte, la Juventus ha mostrato di essere più squadra e di avere una mentalità vincente che sotto il Vesuvio ancora manca. I bianconeri hanno giocato con l’intensità di una gara di campionato, non hanno mai trotterellato per il campo e si sono dimostrati concreti.

Sei scudetti consecutivi e tre Coppe Italia: il dominio pare non avere limiti. Perché la Juve di Coppa ha lanciato un messaggio chiaro: siamo qui per vincere. Tutto.

Napoli - Atalanta (Foto: Italy Photo Press)

E' tempo di...

L’Atalanta scrive un’altra pagina straordinaria! La vittoria sul campo del Napoli e la conquista della semifinale di Coppa Italia è un’altra medaglia che il presidente Percassi può appuntarsi sul petto.

Lasciate alle spalle le piccole incomprensioni delle prime settimane di convivenza con Gasperini, proprio dalla gara di andata contro il Napoli della scorsa stagione, l’Atalanta è una squadra capace di tutto.

Al “San Paolo” è andata in scena una sorta di partita perfetta: qualche rischio corso nel primo tempo e poi due scossoni nel secondo. Castagne e Gomez hanno messo i punti esclamativi che hanno regalato un Capodanno (posticipato di 24 ore) che a Bergamo in pochi credevano di festeggiare. Corsa, organizzazione, ma anche talento: questa è l’Atalanta.

Capitolo turn-over: il Napoli lo ha sofferto, è andato in difficoltà, l’Atalanta no. E, al di la del valore dei singoli, viene da porsi una domanda. E se fosse solo una questione mentale? Quelli del Napoli sembrava giocassero con il freno a mano tirato, quasi fossero timorosi. I ragazzi di Gasperini no. E il risultato li ha premiati.

La 20a giornata di Serie A è stata l’ultima prima della sosta e ha dato inizio al girone di ritorno. Il Napoli continua la sua cavalcata in testa alla classifica battendo l’Hellas Verona al San Paolo, ma la Juventus non molla ed esce con i tre punti dalla difficile trasferta in terra sarda, vincendo di misura contro il Cagliari. Dietro la lotta si fa sempre più accesa: l’Inter non sa più vincere (solo 3 pareggi e 2 sconfitte nelle ultime 5 partite) e pareggia contro la Fiorentina, la Lazio espugna Ferrara grazie ai 4 gol di Immobile e supera la Spal, la Roma non riesce ad uscire da questo periodo difficile e incappa nella sconfitta casalinga subita contro l’Atalanta. Il Torino di Mazzarri vince e convince, ottenendo un ottimo risultato ai danni del Bologna. Il Milan supera, grazie alla prima rete di Bonucci in magli rossonera, il Crotone, mentre tra Chievo e Udinese non si è andati oltre uno scialbo pareggio. Importantissima è la vittoria ottenuta dal Genoa nello scontro diretto con il Sassuolo, ma ancor più considerevole e, per certi versi inaspettata, è la seconda vittoria consecutiva del Benevento che al “Ciro Vigorito” sconfigge la Sampdoria, ormai non più in grado di mantenere il ritmo di inizio campionato (4 punti nelle ultime 8 partite).

L’analisi attraverso i numeri, forniti da INSTAT SCOUT, ci permette di sottolineare alcune voci relative agli incontri disputati durante lo scorso weekend.

La 18a giornata di Serie A non ha nascosto insidie e sorprese per alcune delle squadre del campionato. La sfida più importante del weekend è stata vinta, con alcuni brividi nel finale, dalla Juventus, che ha avuto la meglio su una Roma mai doma. Il Napoli ha mantenuto la testa della classifica, trovando i tre punti nella partita casalinga contro una Sampdoria che ha dimostrato il forte desiderio di uscire dal periodo negativo. Continua l’astinenza dalla vittoria delle due formazioni milanesi: l’Inter è incappato nella seconda sconfitta consecutiva contro il Sassuolo, mentre i rossoneri sono stati superati in casa dall’Atalanta. La Lazio ha sconfitto il Crotone, la Fiorentina ha superato in terra sarda il Cagliari e l’Udinese ha confermato ancora i tre punti grazie ai quattro gol inflitti all’Hellas Verona. Pareggio tra SPAL e Torino, mentre si sono registrate le importanti vittorie in chiave salvezza del Bologna (ai danni del Chievo) e soprattutto del Genoa, contro il sempre più ultimo Benevento.

L’analisi attraverso i numeri, forniti da INSTAT SCOUT, ci permette di sottolineare alcune voci relative agli incontri disputati durante lo scorso weekend.

La 17a giornata di Serie A ha visto l’ennesimo avvicendamento in testa alla classifica. L’Inter ha subito la prima sconfitta di questo campionato, permettendo al Napoli di raggiungere la vetta della classifica. Juventus e Roma con le loro vittorie hanno mantenuto intatta la distanza dalla squadra campana, confermandosi pretendenti al titolo in attesa del big match di sabato sera.Nella parte centrale della classifica l’unica ad ottenere i tre punti è stata l’Udinese, espugnando San Siro. Nelle retrovie importanti successi per il Sassuolo, a Marassi contro la Sampdoria, per il Crotone, in casa con il Chievo, per la SPAL, nello scontro salvezza con il Benevento, e per l’Hellas che, tra le mura amiche, supera il Milan.