Gennaro Gattuso circondato dai suoi giocatori a fine partita (Foto: Italy Photo Press)

E' tempo di...
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Napoli e Juventus vincono a modo loro. Il Napoli giocando bene, la Juventus per abitudine, perché il commento di Allegri è esaustivo: “Se non riesci a fare quello che hai provato in allenamento, devi lasciar finire il primo tempo e fare altro…”.


Ma più di Napoli e Juventus che giocano un campionato, oggi impressiona il Milan. In pochi credevano in Rino Gattuso: l’anno scorso il suo Pisa, certamente afflitto da problemi societari nella prima metà della stagione, non era un esempio di bel gioco. Raramente tirava in porta. E ora, eccolo al Milan, in un Milan lento, impacciato, probabilmente afflitto pure problemi sconosciuti alla stampa.

Invece no, Rino Gattuso ha fatto una cosa sola: testa bassa, fatica, allenamento duro, con l’intenzione di migliorare la condizione della squadra. Il Milan, con Gattuso in panchina è una squadra che non gioca più sottoritmo e, vista la qualità dei singoli (meglio, di alcuni di loro), ecco che magicamente i risultati stanno arrivando.

Questa non è una squadra che può competere con Juventus e Napoli, però non è distante da Roma, Lazio e Inter. Soprattutto non può essere presa a pallate dal Verona che anche oggi non ha mai tirato in porta!

Magazine in Edicola