Storie di calcio – RITORNO ALLE MIE ORIGINI

Storie di calcio – RITORNO ALLE MIE ORIGINI

Il Mondiale del 1966 si disputò in Inghilterra. La sua storia, la storia di ciò che stava accadendo nel mondo e uno dei primi… gol-non gol.

I verdeoro, guidati dall’angelo dalle gambe storte, hanno trionfato per la seconda volta consecutiva. Il mondo è ai piedi del gigante sudamericano: nonostante il re infortunato, hanno dominato e sono ancora i più forti del mondo. Non è stato un torneo spettacolare, ma lascio il mondo alla fine del mondo con malinconia e un velo di tristezza, caratteristico dei luoghi che guardano a ovest e possono vedere tramontare il sole fino all’ultimo raggio. Durante la Coppa ho avuto modo di conoscere e apprezzare questo popolo fiero e silenzioso a cui pochi davano credito. Mi rimetto di nuovo in cammino verso la prossima destinazione, l’isola delle mie origini, i miei genitori festeggiano i miei primi 100 anni ospitando il Mondiale.

È STORIA!
Il mio viaggio di avvicinamento al torneo è ricco di eventi che coinvolgono il mondo intero. Il rapporto tra le due superpotenze raggiunge livelli di tensione preoccupanti. Si rivive l’incubo di un nuovo conflitto mondiale, con la consapevolezza che in questo caso è in pericolo l’esistenza dell’intero pianeta. Una superpotenza sta installando in segreto basi missilistiche su una stupenda isola a poche centinaia di miglia di distanza dall’altra. Vengono scoperti! Il mondo è con il fiato sospeso, inizia un estenuante braccio di ferro. Devono essere rimosse le basi, altrimenti la guerra sarà inevitabile. Per fortuna prevale il buon senso e i missili vengono tolti. Alcuni amici mi dicono che i capi delle superpotenze hanno installato due telefoni identici di colore rosso, così potranno parlare tra loro grazie a una linea diretta prima di arrivare all’uso della “forza”. Pare inizi una nuova fase di distensione, ma coloro che furono determinanti a evitare il conflitto escono presto di scena. Il capo della superpotenza occidentale, mentre viaggiava nel suo Paese a bordo di un’auto scoperta, viene colpito a morte da un cecchino. L’altro capo viene costretto alle dimissioni da uomini di potere della sua nazione perché troppo disponibile a evitare il conflitto. Inizia poi una nuova guerra in estremo oriente che coinvolge direttamente la superpotenza occidentale.

L’articolo completo su IL NUOVO CALCIO di luglio in edicola o in abbonamento

Articoli correlati

Torniamo a dribblare

Prima di entrare negli argomenti “forti” di questo numero, concedetemi di fare gli auguri per il suo 31esimo compleanno a… Il Nuovo Calcio. Il mese di febbraio del 1991 è stato quello che ha visto la nascita della nostra rivista, che nel corso di questi anni ha attraversato le varie burrasche del mondo dell’editoria, cercando […]

Accade a novembre

Italia-Svizzera del prossimo 12 novembre non sarà decisiva, ma… ci giochiamo molto. Sarà una sorta di dentro-fuori per evitare la noiosa appendice dei play-off. Un’appendice che nasconde sempre delle insidie, lo sappiamo bene. Certamente, a Roma partiamo da favoriti, inutile negarlo. Veniamo dalla vittoria dell’Europeo, dalle convincenti prestazioni della Nations League, scendiamo in campo all’Olimpico, […]

Il calcio di tutti

La Champions è ormai entrata nel vivo e a questa manifestazione abbiamo pensato di dedicare la copertina. I primi due turni dei gironi sono stati disputati, in questo mese di ottobre vi sarà il classico giro di boa che chiarirà alquanto le gerarchie. Certo, l’ultima squadra che ha conquistato la manifestazione “a sorpresa” è stato […]

Orgogliosi di essere italiani

Ecco in anteprima l’editoriale del direttore Ferretto Ferretti pubblicato sul prossimo numero de Il Nuovo Calcio, in edicola e online a partire dai primi giorni di settembre. La Serie A è ripartita da poco e a lei abbiamo dedicato la nostra copertina. Una copertina insolita, non la classica foto, ma le “caricature” dei 20 allenatori […]