Il Milan si squaglia

Il Milan si squaglia

Il Milan va sul 2-0, poi crolla. Il Napoli, fino ad allora piuttosto confusionario, si sveglia e vince la partita. La sintesi della serata al “San Paolo”, semplicisticamente potrebbe essere qui. Ma l’analisi, ovviamente è più profonda.

Ancelotti prova a sorprendere Gattuso con un pressing alto, dal quale il Milan esce giocando palla a terra, senza riuscire a pungere. La rete di Bonaventura, splendida nell’esecuzione, è più simile a un colpo di fortuna che a una giocata provata a Milanello. Il Napoli vorrebbe pareggiare, ma in avanti non si capisce quali siano gli schemi, come si vogliano innescare gli attaccanti o come si liberino al tiro i centrocampisti.

Ripresa e Milan subito sul 2-0, perché la fase difensiva del Napoli non è da mostrare nelle scuole calcio: dov’era Mario Rui sul cambio di gioco? E perché Allan ha osservato Calabria al posto di contrastarlo?

Quando Zielinski si inventa la rete dell’1-2, il Milan perde certezze. Il Napoli pigia sull’acceleratore e Gattuso toglie Biglia (anonimo) per inserire Bakayoko (distastroso), che affossa un Kessie (deludente)… Zielenski fa 2-2, anche perché l’inserimento di Mertens per il 4-2-3-1 crea scompiglio ovunque.

Il Napoli continua a giocare, il Milan a soffrire. Dentro Laxalt, l’ideale potrebbe essere inserire Caldara al posto di Suso o Bonaventura e passare alla difesa a 3 per gli ultimi 10’, ma Gattuso non ci pensa o se ci pensa arriva prima la rete del Napoli. La vittoria di Ancelotti è meritata, anche se (e ci mancherebbe) c’è da lavorare parecchio. Gattuso dice che i suoi sono stati polli nell’andare a pressare alto in maniera sconclusionata e nel farsi infilare. Sinceramente, a preoccupare deve essere la totale assenza di gioco offensivo: Higuain meriterebbe di ricevere qualche palla in più.

Articoli correlati

Torniamo a dribblare

Prima di entrare negli argomenti “forti” di questo numero, concedetemi di fare gli auguri per il suo 31esimo compleanno a… Il Nuovo Calcio. Il mese di febbraio del 1991 è stato quello che ha visto la nascita della nostra rivista, che nel corso di questi anni ha attraversato le varie burrasche del mondo dell’editoria, cercando […]

Accade a novembre

Italia-Svizzera del prossimo 12 novembre non sarà decisiva, ma… ci giochiamo molto. Sarà una sorta di dentro-fuori per evitare la noiosa appendice dei play-off. Un’appendice che nasconde sempre delle insidie, lo sappiamo bene. Certamente, a Roma partiamo da favoriti, inutile negarlo. Veniamo dalla vittoria dell’Europeo, dalle convincenti prestazioni della Nations League, scendiamo in campo all’Olimpico, […]

Il calcio di tutti

La Champions è ormai entrata nel vivo e a questa manifestazione abbiamo pensato di dedicare la copertina. I primi due turni dei gironi sono stati disputati, in questo mese di ottobre vi sarà il classico giro di boa che chiarirà alquanto le gerarchie. Certo, l’ultima squadra che ha conquistato la manifestazione “a sorpresa” è stato […]

Orgogliosi di essere italiani

Ecco in anteprima l’editoriale del direttore Ferretto Ferretti pubblicato sul prossimo numero de Il Nuovo Calcio, in edicola e online a partire dai primi giorni di settembre. La Serie A è ripartita da poco e a lei abbiamo dedicato la nostra copertina. Una copertina insolita, non la classica foto, ma le “caricature” dei 20 allenatori […]