Il martedì che cambierà il Calcio

Il martedì che cambierà il Calcio

Euro 2020, la manifestazione più rivoluzionaria della Storia, organizzata da Michel Platini, con partite in 12 stati differenti, sarà posticipata di un anno. E perché? Troppo facile rispondere a causa del Coronavirus.

La risposta è un’altra: i club che pagano i calciatori e che formano i campioni del futuro devono concludere i loro campionati. Senza il termine dei tornei nazionali, con possibili fallimenti a ripetizione rischieremmo di non vedere più Europei e Mondiali. E pure la Champions sarebbe meno attraente e coinvolgente (oltre che redditizia) di quanto lo sia oggi. La Champions vale poco meno l’NBA, il massimo spettacolo che lo sport possa offrire.

L’Uefa dovrà chinarsi alle volontà di Germania, Spagna, Inghilterra, Italia e anche Francia, quindi accettare le proposte che giungono dalle 5 principali leghe. Tutto compresso, tra il 2 maggio e fine giugno, magari con uno sforamento a luglio. Sempre ammesso che il Covid-19 dia tregua e si possa tornare a giocare una partita in completa sicurezza.

Più che completa sicurezza vorrei scrivere che si torni alla normalità. Ma questa non è facile da prevedere. Per quanto riguarda la Serie A, i presidenti dei nostri club dovranno far tutti un passo indietro, la gente, i tifosi non capirebbero. C’è troppa preoccupazione per la salute, come è tanta la preoccupazione che abbiamo per quando torneremo al lavoro come lo abbiamo inteso fino a un paio di settimane fa. Termini feroci per l’assegnazione dello scudetto, una battaglia legale per non retrocedere o entrare in Champions al posto di un altro club non sarebbe compresa. Anzi, perdonata… E tra un mese saranno in molti a dover chiedere “Scusa” per come hanno violentato l’Italia in questo periodo. E in quello precedente!

Articoli correlati

Torniamo a dribblare

Prima di entrare negli argomenti “forti” di questo numero, concedetemi di fare gli auguri per il suo 31esimo compleanno a… Il Nuovo Calcio. Il mese di febbraio del 1991 è stato quello che ha visto la nascita della nostra rivista, che nel corso di questi anni ha attraversato le varie burrasche del mondo dell’editoria, cercando […]

Accade a novembre

Italia-Svizzera del prossimo 12 novembre non sarà decisiva, ma… ci giochiamo molto. Sarà una sorta di dentro-fuori per evitare la noiosa appendice dei play-off. Un’appendice che nasconde sempre delle insidie, lo sappiamo bene. Certamente, a Roma partiamo da favoriti, inutile negarlo. Veniamo dalla vittoria dell’Europeo, dalle convincenti prestazioni della Nations League, scendiamo in campo all’Olimpico, […]

Il calcio di tutti

La Champions è ormai entrata nel vivo e a questa manifestazione abbiamo pensato di dedicare la copertina. I primi due turni dei gironi sono stati disputati, in questo mese di ottobre vi sarà il classico giro di boa che chiarirà alquanto le gerarchie. Certo, l’ultima squadra che ha conquistato la manifestazione “a sorpresa” è stato […]

Orgogliosi di essere italiani

Ecco in anteprima l’editoriale del direttore Ferretto Ferretti pubblicato sul prossimo numero de Il Nuovo Calcio, in edicola e online a partire dai primi giorni di settembre. La Serie A è ripartita da poco e a lei abbiamo dedicato la nostra copertina. Una copertina insolita, non la classica foto, ma le “caricature” dei 20 allenatori […]