Coppa Italia – Brivido Inter

Coppa Italia – Brivido Inter

Aldo Giordani, storico telecronista della Rai, amava dire: “Signori, questo è il basket”. E lo affermava quando una squadra riacciuffava una partita nella quale era sotto di 10-15 punti. Oppure, quando una squadra sfavorita, riusciva a mettere in difficoltà un’avversaria più forte. O quando tutti schizzavano in piedi per una giocata fenomenale.

Beh, Inter-Pordenone ci può far affermare che: “Questo è il calcio”. Se la prima della Serie A, che in campionato non ha ancora perso, scende in campo con poca convinzione e una certa supponenza, può anche andare a finire così: che la quinta del campionato di C possa imbrigliarla. Metterla in difficoltà, prima di essere costretta a rinchiudersi nella propria area. Perché, prima o poi, le differenze devono saltar fuori.

Che abbia vinto l’Inter dopo sei calci di rigore, a un certo punto, è parso addirittura un dettaglio, perché il successo del Pordenone non stava nel vincere la partita, quanto nell’obbligare i giocatori che hai al “Fantacalcio” ad arrivare sullo 0-0 al 90’. E al 120’.

Per il Pordenone è stato un successo obbligare Spalletti a far scendere in campo Icardi e Perisic, perché “gli altri” non bastavano per vincere. Per il Pordenone è stato un successo aver messo paura all’Inter che a un certo punto ha avuto paura di fare una figuraccia.

E, che figuraccia sarebbe stata!

Articoli correlati

La panchina chiama l’arbitro

Doveva essere la due giorni delle semifinali di Coppa Italia (vince il a San Siro contro l’Inter e 24 ore dopo la Juve raggiunge il Milan sull’1-1), invece, il giovedì ha regalato la notizia “bomba”. La Federazione ha chiesto alla Fifa di sperimentare la chiamata del Var dalla panchina. L’allenatore, oppure un tesserato incaricato, potrà […]