Che la festa abbia inizio

Che la festa abbia inizio

Il pareggio di De Silvestri a 7’ dalla fine ha consegnato alla Juventus il settimo scudetto consecutivo. Non che dopo la sconfitta di Firenze il Napoli avesse troppe possibilità di scucire il triangolino dalla maglia della Juve, però l’aritmetica e il “Dio del calcio” sembravano non essersi ancora pronunciati. Invece, la vittoria in affanno dei bianconeri sabato sera contro un Bologna molto più che dignitoso e il 2-2 del Toro dell’ex Mazzarri al “San Paolo” sono serviti a emettere la sentenza: 7 scudetti, tre firmati da Antonio Conte, quattro da Max Allegri.

In verità che il Napoli non ci credesse più, lo si era intuito in settimana quando il vento della polemica aveva fatto gli stracci tra De Laurentiis e Sarri. Il presidente del Napoli quando rilascia un’intervista non lo fa mai per uno 0-0 con i diretti interessati, ADL spara ad alzo zero, contro collaboratori, avversari e palazzo. E così è stato, lasciando sbigottito anche l’allenatore che si augurava, se ci fosse stato, un addio molto “soft”.

La Juventus pur giocando un calcio meno spettacolare di quello del Napoli, lo scudetto lo ha meritato. Appagata da sei titoli consecutivi, con qualche cicatrice di troppo per le battaglie sostenute in Italia e all’estero, la squadra di Allegri non ha mai mollato e ha sempre pensato che la vittoria più bella sia sempre la prossima. E, per dimostrare di non temere nessuno, la Juve è andata a vincere a Napoli in inverno, ha lasciato che l’Inter si squagliasse da sola, che la Roma inciampasse in qualche tagliola e che la Lazio regalasse qualche punto qua e la. Rimaneva il Napoli che non voleva saperne di cedere, che aveva firmato un patto all’interno dello spogliatoio. Ma sapere di avere un avversario che ribatte colpo su colpo, che non subisce gol per tre mesi, che qualsiasi goleada tu faccia rimane impassibile, è peggio di un virus per un computer.

Per vincere non serve solo il bel gioco, l’apprezzamento di pubblico e critica. Per vincere servono…. beh, l’avete capito… E alla Juventus il “carattere” non manca.

Conoscendo la mentalità del club, i festeggiamenti per il titolo numero 34 dureranno ben poco. Salutato Gigi Buffon si penserà al domani. Perché il 18 agosto inizia un altro campionato. E in bacheca, per un altro scudetto c’è sempre posto.

Articoli correlati

Torniamo a dribblare

Prima di entrare negli argomenti “forti” di questo numero, concedetemi di fare gli auguri per il suo 31esimo compleanno a… Il Nuovo Calcio. Il mese di febbraio del 1991 è stato quello che ha visto la nascita della nostra rivista, che nel corso di questi anni ha attraversato le varie burrasche del mondo dell’editoria, cercando […]

Accade a novembre

Italia-Svizzera del prossimo 12 novembre non sarà decisiva, ma… ci giochiamo molto. Sarà una sorta di dentro-fuori per evitare la noiosa appendice dei play-off. Un’appendice che nasconde sempre delle insidie, lo sappiamo bene. Certamente, a Roma partiamo da favoriti, inutile negarlo. Veniamo dalla vittoria dell’Europeo, dalle convincenti prestazioni della Nations League, scendiamo in campo all’Olimpico, […]

Il calcio di tutti

La Champions è ormai entrata nel vivo e a questa manifestazione abbiamo pensato di dedicare la copertina. I primi due turni dei gironi sono stati disputati, in questo mese di ottobre vi sarà il classico giro di boa che chiarirà alquanto le gerarchie. Certo, l’ultima squadra che ha conquistato la manifestazione “a sorpresa” è stato […]

Orgogliosi di essere italiani

Ecco in anteprima l’editoriale del direttore Ferretto Ferretti pubblicato sul prossimo numero de Il Nuovo Calcio, in edicola e online a partire dai primi giorni di settembre. La Serie A è ripartita da poco e a lei abbiamo dedicato la nostra copertina. Una copertina insolita, non la classica foto, ma le “caricature” dei 20 allenatori […]