Luca Rebba: dallo smarcamento al tiro in porta

Luca Rebba: dallo smarcamento al tiro in porta

Un percorso per scoprire i presupposti legati alla formazione del futuro “attaccante”, non in funzione di una specializzazione propria del ruolo, ma di scoperta e sperimentazione per i piccoli calciatori.

Mister Luca Rebba, attuale coordinatore tecnico e organizzativo per Esordienti e Pulcini dell’Atalanta, ha voluto approfondire la formazione del futuro “attaccante”. Non tragga in inganno la menzione di uno specifico ruolo, volutamente inserito tra le virgolette: partendo dallo smarcamento per arrivare al tiro in porta, il relatore ci ha accompagnato attraverso un percorso formativo alla scoperta di tutte le funzioni di un giocatore offensivo, con lo scopo di far sperimentare a tutti gli elementi di una squadra dell’attività di base questi aspetti specifici. Infatti… «Nessuna specializzazione, ci mancherebbe – dice Rebba. È importante, tuttavia, specialmente nei più piccoli, dare dei concetti, dei princìpi perché qualsiasi giocatore in partita potrebbe trovarsi nelle condizioni di agire come “attaccante”. E cercare di fare gol!»

Analizziamo l’azione
L’intervento comincia con un’attenta disamina dello “stato dell’arte”: il mister atalantino suddivide l’azione di gioco individuale in tre momenti, ovvero “prima”, “durante” e “dopo” aver ricevuto il pallone.

Scopri di più sul numero di luglio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale. Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]