L’impostazione dell’azione dal portiere

L’impostazione dell’azione dal portiere

Gli speciali de Il Nuovo Calcio – Master settori giovanili

La relazione dell’allenatore della Primavera del Milan, che ha indicato le modalità operative adottate nel club di appartenenza. L’importanza di avere un’idea comune e del lavoro situazionale. Alcune proposte pratiche nelle quali è centrale il contributo fornito dall’estremo difensore.

Dopo una breve presentazione delle sue esperienze, mister Lupi – che ha aperto il Master dedicato ai settori giovanili – ha illustrato quello che è avvenuto negli ultimi anni nel procedimento di crescita metodologica del settore giovanile del Milan. Ha parlato innanzi tutto di confronto, di mettersi in discussione: la sua non vuole essere una lezione vera e propria, ma un momento di condivisione di esperienze. Per quanto riguarda quanto è accaduto al vivaio rossonero, il tecnico della Primavera ha spiegato che in una prima fase si è cercato di capire le modalità operative di diversi top club europei che riuscivano a portare un numero elevato di giovani provenienti dal vivaio in prima squadra. Non certo per copiare, ma per immagazzinare più informazioni possibili e impostare un progetto teso a perseguire il medesimo obiettivo: formare giocatori di qualità che possano calcare i campi di Serie A, che possano essere protagonisti. E qualche risultato è stato già raggiunto, con gli esordi di Calabria, Cutrone, Locatelli…

Un’idea comune
Le linee guida di questo progetto tecnico evidenziano elementi e princìpi ben precisi che passano attraverso la gestione del possesso palla, la costruzione dal basso (“La possono fare tutti, anche i più piccoli, ciò che conta è come la proponi e la fiducia che dai ai ragazzi”), l’utilizzo del portiere come giocatore di movimento e il riconoscimento della superiorità numerica nelle varie zone del campo (aspetto determinante per un giocatore di livello)…

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

 

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]