Ivan Zauli: la costruzione dei gesti tecnici attraverso i giochi di applicazione

Ivan Zauli: la costruzione dei gesti tecnici attraverso i giochi di applicazione

L’intervento in aula e sul campo del “maestro della tecnica” romagnolo, che ha spiegato i presupposti della sua metodologia.

Ivan Zauli è un maestro di tecnica e fondatore del network “La strada dei Campioni”. Nel corso della sua carriera è stato anche consulente per diverse società professionistiche e al nostro Master di Settore Giovanile ha portato la sua esperienza trattando il tema a lui caro sia in aula sia in campo.

Da dove nasce l’idea?
Da quando giocava in Serie D, a Montebelluna: durante una trasferta – ha raccontato Ivan – il suo allenatore di allora gli fece visionare delle cassette di giovani giocatori olandesi che eseguivano “numeri” incredibili con la palla. Questi video suscitarono in lui curiosità e da allora è scaturito il desiderio di approfondire la tematica. Essendo uno dei pochi giocatori non locali, impiegò il tempo libero allenando i bambini del settore giovanile lavorando in questa direzione e spronandoli sempre a “osare” (termine che ripeterà molto spesso in campo coi piccoli giocatori), memore anche delle inibizioni ricevute durante la sua carriera da calciatore.

La mission
La sua idea è quella di formare calciatori che abbiano come caratteristiche principali la creatività e la fiducia in se stessi. Si tratta di aspetti che crescono e migliorano insieme alle abilità tecniche individuali. La tecnica deve essere però finalizzata, altrimenti rimarrebbe un’abilità da “circo”. Infatti, deve essere trasferibile al calcio: per questo il percorso deve partire proprio dalla tecnica di base per poi giungere ai giochi di applicazione. Questi ultimi sono assimilabili a quelli da “strada” che si praticavano 40 anni fa. La finalità è ricostruire quelle abilità che prima venivano apprese in maniera indipendente e che ora necessitano di un approfondimento durante le sedute grazie alla scomposizione delle varie gestualità proprie del nostro sport.

Scopri di più sul numero di agosto: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]