Joe Sargison e Andy Sharp: il metodo inglese

Joe Sargison e Andy Sharp: il metodo inglese

Gli speciali de Il Nuovo Calcio Master – settori giovanili
La lezione in aula e sul campo dei due tecnici inglesi, che ci hanno offerto uno spaccato dell’organizzazione d’Oltremanica e una modalità di allenamento che presenta aspetti interessanti.

Nell’edizione di quest’anno del Master Settori Giovanile vi è stata la presenza, in qualità di relatori, di due tecnici inglesi, che ci ha permesso di gettare uno sguardo su come si opera nella terra della regina: Joe Sargison, allenatore della Football Association (The FA) e Andy Sharp, mister nel settore giovanile dello Sheffield Wednesday, una delle società calcistiche più antiche del mondo. Nella sua esposizione, coach Sargison, parlando un italiano molto fluente, ha presentato uno dei metodi di lavoro utilizzato nel loro Paese di origine: si parte dal disegno dell’esercitazione (struttura) e da un approccio misto (dimensioni del campo differenti, partite diverse) per arrivare alla creazione di proposte situazionali in un ambiente “caotico” (creato mediante l’inferiorità numerica). Inoltre, si passa dalla collaborazione di due allenatori nella stessa esercitazione alle strategie utili a mettere sotto pressione (stress positivo) determinati giocatori, quelli con spiccate doti rispetto al resto della squadra.

Facciamo però un passo indietro: il lavoro che viene svolto in Inghilterra prevede un’importante cooperazione tra la federazione e gli allenatori delle varie società sportive. La metodologia e le strategie operative non vengono imposte, ma la Football Association offre un supporto ai tecnici per portare avanti le loro idee, permettendo di avere la libertà di esprimersi. L’obiettivo finale è comune: creare calciatori che sappiano “giocare” secondo la filosofia del club e che diventino, di conseguenza, una risorsa, in termini umani e tecnici, per la nazionale, sia essa giovanile o cosiddetta “maggiore”.

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]