Igor Oca: la metodologia spagnola nel settore giovanile

Igor Oca: la metodologia spagnola nel settore giovanile

Una sintesi dell’intervento del tecnico della RFEF al nostro incontro di aggiornamento.
Modello e stile di gioco, peculiarità dei club, organizzazione delle esercitazioni.

La costruzione di strategie finalizzate al raggiungimento di obiettivi condivisibili da tutto lo staff di un club, nel calcio, è fondamentale. «Il compito di favorire il rendimento dei giocatori mediante una comunicazione efficace, supportata da esercitazioni specifiche, spetta all’allenatore»: queste le parole introduttive di Igor Oca, tecnico della federazione spagnola (RFEF) e allenatore Uefa Pro. Le sue importanti collaborazioni con diversi settori giovanili da oltre 20 anni, le esperienze con club di rilievo quali Atletico Madrid, Villareal, Levante e Deportivo Alaves fanno di Igor un allenatore di assoluto valore e competenza. Una sua analisi accurata, in merito alle modalità di gioco in Spagna, lo ha portato ad affermare che… «A differenza di quanto riportato da diverse fonti, o meglio secondo parecchi luoghi comuni, non esiste un unico stile di gioco spagnolo; ogni club ha caratteristiche proprie».

Lo “stile” è determinato dalle esercitazioni proposte durante gli allenamenti in virtù dell’enfasi che si dà a variabili specifiche. Il focus sulle abilità tecniche individuali consente di ottenere grandi benefici nell’ambito del gioco collettivo. La gestione del pallone e la capacità di lettura anticipata permettono di ottimizzare il posizionamento in campo di ogni elemento rispetto a compagni e avversari. Conoscere le abilità dei rivali, a supporto di un sistema di gioco offensivo, è necessario per limitarne le risorse. Il suo metodo prevede un allenamento volto a sviluppare la tecnica e la tattica per un gioco collettivo spettacolare ed efficace durante un incontro. La “costruzione del giocatore” implica l’impiego di linee guida, oltre alla continua rielaborazione di concetti dal momento in cui le fasi sono veloci e in continua evoluzione.

Scopri di più sul numero di luglio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]