GLI SMARCAMENTI IN PROFONDITÀ

GLI SMARCAMENTI IN PROFONDITÀ

L’insegnamento di questi movimenti determinanti per attaccare lo spazio verso la porta e cercare la conclusione.

Nello scorso numero abbiamo presentato e approfondito le corse riferite agli smarcamenti in ampiezza, di cui si serve il giovane calciatore durante la partita. Come detto, questi sono utili ad allargare le maglie della difesa avversaria e vengono effettuati soprattutto in caso di palla “coperta”, per dare uno sfogo all’azione e una soluzione al compagno. Viceversa, nel momento in cui la squadra in possesso riesce a “liberare” il pallone, mettendo un proprio giocatore nelle condizioni di puntare la linea avversaria e di “calciare” la sfera oltre la linea stessa, le corse dei compagni possono e spesso devono essere più rivolte alla profondità che all’ampiezza. Gli smarcamenti in profondità, appunto, sono dei movimenti da parte dei calciatori che permettono di ricevere un pallone in settori più avanzati del campo. Solitamente il passaggio che premia queste corse è una giocata filtrante o una nella zona cieca, grazie alle quali si può superare la linea difensiva.

L’articolo completo su IL NUOVO CALCIO di aprile in edicola o in abbonamento

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]