Giovanni Valenti: la costruzione dal portiere

Giovanni Valenti: la costruzione dal portiere

Perché è conveniente nel settore giovanile impostare il gioco dal portiere. I vantaggi e le proposte per farlo indicati da Giovanni Valenti nel corso del suo intervento al nostro Master.

Si sales bien, puedes llegar a jugar bien. Si no lo haces, no hay ninguna opción”, con queste de parole Johan Cruyff definiva l’importanza di una buona fase di costruzione per far sì che una squadra giochi bene a calcio, cercando di avere il comando del gioco attraverso il controllo della palla. Questo è l’inizio dell’intervento di Giovanni Valenti, nella stagione scorsa al settore giovanile della Juventus, al nostro master.

La fase di costruzione
Spiega in merito Giovanni: «È quella sotto-fase del possesso palla in cui si cerca di progredire dalla zona di campo nei pressi della propria porta fino a raggiungere la metà campo offensiva. La costruzione può avvenire su rinvio dal fondo, su una rimessa laterale, ma anche su palla in movimento, per esempio dopo una riconquista in zona “bassa”, che per comodità chiameremo fase di ricostruzione».

Quali obiettivi? Come?
Il fine primario è quello di sfruttare la superiorità numerica garantita nella propria metà campo dal portiere, anche se – molto frequentemente – vi è pure quella offerta da un ulteriore giocatore di movimento, in quanto le squadre in non possesso sono solite tenere almeno un difensore in più rispetto al numero degli attaccanti avversari. È importante cercare di effettuare azioni sicure, per gestire il pallone, cercando però di “salire” nel modo più veloce possibile. Sarà dunque fondamentale trovare un equilibrio tra le modalità “sicura” e “veloce”, che nel calcio sono apparentemente in antitesi.

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]