Alessandro Limone: allenare il passaggio in situazione e stimolare la giocata in profondità

Alessandro Limone: allenare il passaggio in situazione e stimolare la giocata in profondità

L’intervento in aula e in campo dell’allenatore dell’Empoli è stato incentrato sulla gestualità del passaggio. L’importanza del “gioco”, delle scelte e di ricercare la profondità.

In questo articolo, che ho accettato molto volentieri di scrivere direttamente, parlerò del mio intervento al Master de Il Nuovo Calcio. Innanzitutto, desidero ringraziare tutta l’organizzazione per aver vissuto un momento del genere. Al termine ci si sente arricchiti, si capisce di aver appreso qualcosa di nuovo, di… sapere di più. Questo grazie anche al confronto informale con tutti i mister presenti. Prima di entrare nei dettagli della relazione, vorrei incentrare il focus sulla locuzione “allenare il passaggio in situazione”: si intende quando il possessore deve scegliere in virtù dei posizionamenti di compagni e avversari; il lavoro in tale direzione è motivato da fondamenti di neuroscienze. Quindi, in questo scritto, dopo una prima parte più didattica, vedremo come stimolare la giocata in profondità e in che modo agire sul campo (l’articolo rappresenta un sunto della relazione di Alessandro, per chi volesse approfondire vi sono i video completi dell’evento, ndr).

Il passaggio
Possiamo definirlo come l’atto di trasmissione della palla a un compagno: siamo di fronte all’unione tra due elementi, rappresenta il collegamento tra un’azione individuale e una collettiva in fase di possesso. Possiamo classificarlo secondo la sua direzione o la sua funzione, riconoscendo di conseguenza tipologie direzionali e funzionali. Per la sua direzione, possiamo identificare il passaggio:

– in profondità (o verticalizzazione);
– indietro (in scarico);
– incrociato – si indica la trasmissione solitamente aerea, che va da una parte all’altra del campo, un cambio gioco insomma;
– trasversale, tipico del giro palla.

Scopri di più sul numero di agosto: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]