Esperienze dall’estero – Football in the community

Esperienze dall’estero – Football in the community

Cosa ha portato l’Inghilterra a essere la regina del calcio europeo. Il modello inglese, la sinergia/simbiosi tra comunità e club, le iniziative intraprese.

Quelli recenti non sono stati tempi indimenticabili per il calcio italiano. Gli scontri di San Siro dello scorso 26 dicembre, o i diversi – e spiacevoli – casi di razzismo hanno fatto riemergere i soliti problemi e le classiche polemiche. Strutture vecchie, sistema che non funziona, cultura sportiva inesistente. Insomma, servirebbe una soluzione definitiva, che possa far tornare a quel livello di eccellenza il calcio del nostro paese. A tal proposito, si è più volte fatto appello al cosiddetto “modello inglese” che, per intenderci, a inizio anni ‘90, mise la parola fine al fenomeno degli hooligans, tracciando la strada per l’ascesa inesorabile della Premier League che oggi ammiriamo.

Nonostante i modelli Thatcher e Taylor siano spesso riconosciuti come gli interventi all’origine di questa scalata, questi non offrono tutte le risposte necessarie a capire completamente il fenomeno. Perché la Premier è oggi il campionato più bello e seguito del mondo? Perché gli stadi sono sempre pieni? O ancora, come indicato – con una certa ammirazione – dal sottosegretario con delega allo sport Giancarlo Giorgetti in una recente intervista, perché in Inghilterra esiste un connubio così forte tra comunità e squadra, tanto che una partita di calcio mobilita interi quartieri o città? La risposta, sconosciuta a molti, può essere data spiegando il fenomeno Football in the Community.

Calcio, responsabilità e opportunità sociale
La passione per il football in Inghilterra è qualcosa di viscerale, a tratti inspiegabile. Comprendere, infatti, perché intere comunità di persone decidano di muoversi e “vivere” per la propria squadra di calcio è estremamente complesso. Si può partire sicuramente da un concetto: il senso di appartenenza. Le persone si sentono rappresentate dal proprio club, si identificano in questo e di conseguenza decidono di dedicare tempo ed energie per sostenerlo in ogni occasione. Con civiltà e passione sanguigna, in pieno stile british.

Scopri di più sul numero di maggio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Torniamo a dribblare

Prima di entrare negli argomenti “forti” di questo numero, concedetemi di fare gli auguri per il suo 31esimo compleanno a… Il Nuovo Calcio. Il mese di febbraio del 1991 è stato quello che ha visto la nascita della nostra rivista, che nel corso di questi anni ha attraversato le varie burrasche del mondo dell’editoria, cercando […]

Accade a novembre

Italia-Svizzera del prossimo 12 novembre non sarà decisiva, ma… ci giochiamo molto. Sarà una sorta di dentro-fuori per evitare la noiosa appendice dei play-off. Un’appendice che nasconde sempre delle insidie, lo sappiamo bene. Certamente, a Roma partiamo da favoriti, inutile negarlo. Veniamo dalla vittoria dell’Europeo, dalle convincenti prestazioni della Nations League, scendiamo in campo all’Olimpico, […]

Il calcio di tutti

La Champions è ormai entrata nel vivo e a questa manifestazione abbiamo pensato di dedicare la copertina. I primi due turni dei gironi sono stati disputati, in questo mese di ottobre vi sarà il classico giro di boa che chiarirà alquanto le gerarchie. Certo, l’ultima squadra che ha conquistato la manifestazione “a sorpresa” è stato […]

Orgogliosi di essere italiani

Ecco in anteprima l’editoriale del direttore Ferretto Ferretti pubblicato sul prossimo numero de Il Nuovo Calcio, in edicola e online a partire dai primi giorni di settembre. La Serie A è ripartita da poco e a lei abbiamo dedicato la nostra copertina. Una copertina insolita, non la classica foto, ma le “caricature” dei 20 allenatori […]