Sul numero di novembre insieme ad Alberto Nabiuzzi anticipiamo un tema che svilupperemo in modo più ampio e articolato sulla gestione delle situazioni di palla inattiva coi giovani calciatori.
 
"L’esclusività mi ha incuriosito a voler approfondire questo vasto argomento - spiega Nabiuzzi - Attraverso lo studio e l’analisi ho avuto modo di poter sviscerare il tema palle inattive, con l’intento di condividere delle considerazioni che possano essere un punto di partenza per noi allenatori. Questo articolo è solo una parte di quello che poi potrete trovare all’interno del sesto libro della collana i Tattici de Il Nuovo Calcio “I calci piazzati" in uscita nelle prossime settimane. 
Nel contenuto che troverete questo mese affronto il tema attraverso concetti e proposte pratiche trasversali, dai più piccoli fino agli adulti, per mostrarvi come si può inserire all’interno delle nostre sedute”.
Leggi tutto...

"Per poter apprendere, dobbiamo considerare la pratica anche in termini quantitativi".
Questo il ragionamento da cui è partito Fabio Napoletani per articolare il suo intervento che potete leggere sul numero 333 di Novembre dal titolo “Spazio e tempo questione di metodologia”: una serie di spunti interessanti nella programmazione e gestione delle sedute d’allenamento in funzione del contesto in cui vi trovate.

Organizzare e gestire al meglio gli spazi e i tempi a disposizione può infatti supportare la metodologia scelta per favorire un maggior numero di esperienze utili a incentivare l’apprendimento dei nostri giocatori.

Leggi tutto...

Il connubio tra attività ludica e gestualità specifiche è importante fin dai Piccoli Amici. A questo proposito, Riccardo Banfi, allenatore Uefa B e preparatore atletico di settore giovanile, ci offre una strategia per lavorare in tale direzione e propone una seduta di allenamento esemplificativa per la categoria.

Leggi tutto...

Come inventare delle proposte divertenti incentrate su concetti prettamente calcistici, mutuando idee da altre discipline.

Leggi tutto...

Il giovane calciatore impara secondo modalità non sempre sequenziali. L’imprevedibilità del gioco e le opportune modifiche all’ambiente da parte del tecnico possono fare la differenza.

Leggi tutto...

Fabio Napoletani, Cristian Barca, Marco Dall’Anese sono i tre esperti che hanno illustrato le idee sulla ripresa per i più piccoli. Quali sono le considerazioni che deve fare un istruttore dell’attività di base prima di cominciare l’annata calcistica?

Leggi tutto...

Quali valori e concetti tenere presente quando ci si appresterà a pianificare la prossima stagione. C’è qualcosa che va oltre il calcio e, visto il periodo, non può essere dimenticato.

Leggi tutto...

Parliamo sia di quella motoria sia di quella ludica. I bambini, già in difficoltà prima di questa pandemia a muoversi e a organizzare da soli giochi, potrebbero veder peggiorare drasticamente la loro situazione.

Leggi tutto...

I princìpi utili per ricevere il pallone con traiettoria aerea di controbalzo. L’illustrazione delle soluzioni di pianta, di interno a chiudere e di esterno collo piede.

Leggi tutto...

Una proposta interessante per creare un ambiente di allenamento positivo e parlare in... inglese.

Leggi tutto...

Tutte le tipologie di ricezione possibili per il giocatore, da fermo e in movimento. L’illustrazione delle tre principali: apro di interno, chiudo di interno e “chiudo” di esterno piede.

Leggi tutto...

I giochi da strada e cortile ormai sono scomparsi con tutti i vantaggi che portavano. Come provare a riproporli durante le sedute di allenamento.

Leggi tutto...

Come lavorare utilizzando al meglio questa struttura geometrica e inserire gestualità e movimenti simili a quelli della gara. Una progressione didattica per i più “piccoli.

Leggi tutto...

Un concetto di tattica individuale che deve essere insegnato nel settore giovanile. Una progressione didattica per operare in tale direzione e i princìpi fondanti dell’intercettamento.

Leggi tutto...

Attaccare la porta come attaccare lo spazio sono caratteristiche e qualità che una squadra e un calciatore offensivo, più nello specifico, devono possedere per "colpire" il diretto avversario.

Leggi tutto...

“Ultimo minuto finale di coppa d’Inghilterra con il Liverpool, Beckham tira un calcio d’angolo, il portiere esce di pugno, la palla arriva alta verso di te... tiro e rete! Wimbledon, allora Wimbledon, corri verso la palla, la palla ti arriva, valuti in un attimo la traiettoria, l’angolazione, la rotazione, da dove soffia il vento, la sua velocità, tutto, allunghi il piede, la stoppi di sinistro, due rimbalzi, due passi e tiri un gran destro, il tiro più bello, più perfetto al mondo! Gol!” (Il mio amico Eric, 2009).

Una lunga sfida

È nel tiro in porta che i racconti del pallone trovano spesso e volentieri il finale delle loro storie; bello o brutto che sia, il finale spetta solo a lui. E visto che nelle partite ne è protagonista, il tiro in porta non può e non deve mai mancare nelle sedute, almeno per quel che concerne i più piccoli. Insomma, in ogni sessione la conclusione a rete deve esserci.

>> SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO: Il tiro in porta

>> Tutti gli articoli ATTIVITA' DI BASE

Considerazioni, strategie e applicazioni per migliorare gli aspetti coordinativi dei bambini più piccoli.

Leggi tutto...

Il dominio rappresenta un “tu per tu” tra il bambino e la palla, nel quale si parte da un rapporto di reciproca conoscenza che col tempo migliora, fino a diventare un legame “fraterno”.

Durante i primi anni della scuola calcio, l’allenatore si trova in una situazione nella quale deve sensibilizzare ogni allievo all’utilizzo dell’attrezzo palla. Il bambino sperimenta e compie una serie di nuove esperienze motorie all’interno di un contesto sociale differente da quello al quale è abituato (concetto di gruppo inteso come squadra), che lo porta a vivere anche dei processi emotivi diversi.

Leggi tutto...

Il mestiere di allenatore non è qualcosa di facile che si impara unicamente sui libri. Bisogna mettersi in gioco, osservare e soprattutto... fare!

Leggi tutto...

Cosa significa accettare la sfida di sbagliare per... migliorare. Per crescere in un mondo non ovattato. Il parallelo tra genitore e allenatore ci può portare a considerare in modo differente “pericolo” e “rischio”.

Leggi tutto...

L’importanza del movimento libero, del gioco e degli schemi motori di base coi bambini più piccoli. E non solo.

Stimolato dalla preparazione delle lezioni didattiche per i corsi Uefa C, di cui mi sto occupando a livello territoriale, ho voluto ragionare su alcuni aspetti relativi al movimento in ambito giovanile. Ricercando materiale specifico e documentandomi su quali siano le reali esigenze e le proposte didattiche, dividendomi tra libri e web, mi sono imbattuto in diverse cose molto interessanti. Una di queste la utilizzo per “aprire” questo articolo: ho trovato una foto insolita della Nazionale inglese di calcio nella quale i vari giocatori si trasmettevano un vortex.

Leggi tutto...

Da una chiacchierata con Mauro German Camoranesi e da un articolo di Mattia Toffolutti, prende il via questo speciale che abbiamo preparato per tutti coloro che lavorano coi più piccoli. Si parte dal calcio come gioco che viene dalla strada (Camoranesi), si passa alle problematiche motorie (Toffolutti) per arrivare all’articolo di Matteo Cioffi sul “non cancellare” il rischio coi bambini.

Leggi tutto...

Una serie di proposte pratiche per contestualizzare la situazione di 1>1 e avvicinarsi a ciò che accade in gara.

Leggi tutto...

Ivan Zauli, maestro della tecnica e consulente di diverse società professionistiche, ci porta alla scoperta dell’allenamento dei cambi di direzione, svolti in conduzione, finalizzati alla protezione della palla con il piede più lontano, dall’aggressione di uno o più avversari in un contesto situazionale.

Leggi tutto...

L’esecuzione di questi gesti utili al giovane calciatore per modificare senso di marcia e difendere la palla da un avversario.

Nel primo articolo abbiamo visto l’importanza del trattamento della palla nella formazione del calciatore in età evolutiva, sia dal punto di vista della conoscenza e della padronanza della sfera, sia da quello dei prerequisiti coordinativi fondamentali. In questo secondo scritto porremo l’attenzione sulla guida della palla attraverso l’utilizzo di cambi di senso finalizzati a proteggerla dalla pressione di un avversario e a conquistare spazio durante il gioco.
Andremo ad analizzare le gestualità più efficaci e più utilizzate dai grandi campioni e ci concentreremo su 3 superfici anatomiche del piede:
l’interno;
l’esterno;
la pianta.

Leggi tutto...

Alcune proposte pratiche che aiutano a capire come dei piccoli accorgimenti possano trasformare un’esercitazione e renderla funzionale per le differenti categorie.

Leggi tutto...

L’1>1 è una situazione che, in maniera ricorrente, viene proposta nelle categorie Pulcini e Primi Calci ma, spesso, è presentata sotto forma di lavori prettamente individuali, cioè legati esclusivamente al confronto tra i due giocatori che si sfidano.

Leggi tutto...

Alcuni esercizi fondamentali per migliorare coi più piccoli (ma non solo) il feeling con il pallone.

Leggi tutto...

Il Futsball è quel termine che unisce calcio a 5 (futsal) e a 11 (football). I vantaggi di questa metodologia e le proposte pratiche.

Leggi tutto...

In questo secondo articolo sui primi concetti tattici per i più piccoli, l’autore pone l’attenzione sulle situazioni di gioco semplici e sulla tecnica applicata.

Leggi tutto...