Tutto sulla marcatura

Tutto sulla marcatura

La pratica

Cambi di direzione

Il giocatore effettua una corsa in avanti verso i coni. Il suo sguardo deve essere costantemente rivolto al pallone prima, durante e dopo il cambio di direzione grazie al quale si orienta al cono successivo. Deve effettuare un cambio di direzione dorsale. L’esercitazione allena la corsa tipica del difensore, che deve vedere la palla e rimanere efficace negli spostamenti (figura 3).

Esercitazione per i cambi di direzione.
Doppio rettangolo

Nel primo rettangolo giallo gli scivolamenti del difensore accompagnano gli spostamenti e i cambi di direzione dell’attaccante in maniera analitica, senza che questo possa affondare il dribbling e senza che il difendente possa intervenire. Nel secondo, il duello diventa attivo. Compito dell’attaccante è quello di guidare oltre una delle due porticine rosse. Il difensore cerca di risolvere positivamente il duello, intervenendo se necessario con un tackle laterale o scivolato (figura 4).

Il doppio rettangolo.
Di spalle centrale

Il difensore dà pressione all’attaccante che riceve una palla incontro, spalle alla porta. Il primo compito del difendente è evitare che l’attaccante si giri e lo punti. Se la punta scarica palla al compagno, quest’ultimo ha a disposizione due tocchi (controllo e giocata) per servire l’attaccante in profondità o di nuovo incontro. Il difensore deve essere bravo nel non concedere profondità evitando di “prendere” un filtrante. A quel punto il nuovo possessore dovrà optare per un passante in ampiezza o un appoggiato incontro che il difensore dovrà prontamente fronteggiare (figura 5).

Quinta esercitazione sulla marcatura.
Di spalle laterale

Rispetto all’esercitazione precedente, l’attaccante scarica su un giocatore posto lateralmente, il quale con due tocchi deve servire nuovamente la punta che cerca di smarcarsi (figura 6). Variante: il giocatore laterale può guidare verso il fondo e decidere quando servire il compagno. Il tipo di marcamento
del difensore varia a seconda della zona in cui si trova l’esterno.

Attaccante di spalle, soluzione laterale.
La partita

Si gioca una partita a campo ridotto 3>3/4>4 + appoggi laterali e verticali. All’interno del campo le marcature prevedono un abbinamento fisso. I giocatori sono costretti a controllare il diretto avversario in maniera più o meno stretta e con orientamento diverso in base alla posizione del pallone (figura 7).
Variante: tutti i giocatori hanno a disposizione massimo due tocchi. Ci si sposta così maggiormente verso il marcamento di avversario senza palla piuttosto che verso il duello.

La partita e la marcatura.

Autore: Andrea Millefanti.
Foto: Michele Tusino.

Indietro
Pagina 2 di 2
Avanti

Articoli correlati

La visione globale

La pratica Prima di iniziare a proporre esercitazioni che stimolino l’abilità dei giocatori di prendere visione della situazione globale di gioco, ci si può avvalere di video esemplificativi, che mostrano grandi campioni, per esempio Xavi, Thiago Alcantara e Pirlo, che durante la partita “guardano” (prendono informazioni) alle proprie spalle prima di ricevere il passaggio per […]

Allenate la percezione

Perché allenarla La percezione è il processo mediante il quale traiamo informazioni sul mondo nel quale viviamo. Il termine percezione deriva dal latino “percìpere” che significa raccogliere, apprendere. È poi il cervello a elaborare le informazioni ricevute e ad assegnare loro un significato. Ad esempio, se guardiamo una palla allontanarsi, i nostri occhi vedranno la […]

Il gioco è il miglior maestro

Per correggere eventuali carenze tecniche e percettive si possono scegliere le esercitazioni sul rombo raffigurate nelle figure 4, 5 e 6. Nella prima, il calciatore A passa a B e ne prende il posto, B controlla il pallone per poi trasmetterlo a C e va nella posizione di questo e così via. Si possono richiedere […]

Diamo del tu alla palla

Wiel Coerver… un po’ di storia Calciatore e allenatore olandese, di ruolo difensore, inventore del metodo Coerver, venne soprannominato l’Albert Einstein del calcio per via delle sue idee rivoluzionarie in materia di insegnamento calcistico. Coerver era uomo di grande ingegno, tramandare il proprio sapere diventò per lui qualcosa che nel tempo andò oltre la passione. […]