Foto: Italy Photo Press

E' tempo di...
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un gol di Sensi al termine del primo tempo spinge l’Inter in testa alla classifica. Un volo d’angelo di quelli che sapevano fare Riva, Boninsegna, Bettega… Certo, l’Udinese si è complicata la vita, in dieci dal 35’, mentre Conte ha dimostrato che inventare si può: 3-4-2-1, con Sensi e Politano alle spalle dell’unica punta, Lukaku.
Ma la partita del sabato non è stata né quella di Milano, né quella vinta 2-0 dal Napoli sulla Sampdoria. La partita è quella di Firenze, con la Fiorentina che gioca alla grande senza commettere distrazioni.

Se la Juventus è corrucciata per gli infortuni muscolari a Douglas Costa e Pjanic, con Danilo uscito per crampi, la Fiorentina lo è per il numero di occasioni che attaccanti e centrocampisti hanno sprecato davanti a Szczęsny. Montella, contro la Juventus, ha rivisto la squadra che aveva giocato bene per 35’ contro il Napoli, prima per 25’ anche nella ripresa.

A impressionare Frank Ribery e, vista l’età e la terza presenza in A, il centrocampista Gaetano Castrovilli. Se del primo conosciamo tutto, del secondo sappiamo meno: chi lo ha seguito in B a Cremona sapeva di trovarsi davanti a un trequartista, che non amava più di tanto il dover rincorrere gli avversari. Montella, invece, gli ha spiegato che se vuole rimanere in campo in Serie A deve fare anche l’incontrista. Detto e fatto! Castrovilli è una delle sorprese migliori delle prime tre giornate. E ora siamo curiosi di vedere Lazio, Roma e Milan.

Magazine in Edicola