Luigi Di Biagio (Foto: Italy Photo Press)

E' tempo di...
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Prima di scrivere, questa volta, mi sono mangiato le mani. Questo pezzo volevo rimanesse “in canna”, poi però non sono riuscito a trattenermi.

Ovvio che si possa solo vedere la situazione dall’esterno del ritiro della nostra Under 21, ma è non semplice capire perché Gigi Di Biagio abbia voluto rimescolare il centrocampo nella sfida con la Repubblica Ceca.

Mi sono posto la domanda più volte, perché la prima risposta un po’ semplicista è stata: gioca con chi ha battuto la Danimarca, cioè i titolari, vinci, sali a 6 punti e poi guarda dall’alto tutte le ipotetiche seconde degli altri gironi. Impensabile, però che uno staff intero non abbia fatto una simile valutazione aritmetica. Quindi, c’è dell’altro.

Quella che l’allenatore e non solo aveva definito “l’Under più forte degli ultimi vent’anni” perché si è sciolta? Una scivolata di Rugani e un paio di indecisioni di Donnarumma non possono bastare a motivare una prestazione del genere, perché a giocare male sono stati veramente in tanti. E allora cosa è successo? I titolari non erano al massimo? Siamo forse arrivati tutti in Polonia un po’ scarichi?

L’ultima cosa che vogliamo pensare è l’aver sopravvalutato il valore dei nostri giocatori. Questo sarebbe imperdonabile, perché averli sopravvalutati vorrebbe dire aver sopravvalutato il valore dell’intera Serie A.

Magazine in Edicola