Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini (Foto: Italy Photo Press)

E' tempo di...
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La serata di Champions è già alle spalle. Il presidente Agnelli, Nedved, Marotta e Paratici stanno già pensando a come arrivare a Kiev, sede della finale 2018.

Come sempre si ragionerà in maniera lucida, fredda e senza sentimentalismi. Per questo Leonardo Bonucci, che dopo la lite di febbraio, con Allegri ha firmato una tregua, non la pace, sembra essere prossimo alla partenza. Lo vogliono il Chelsea e il Manchester City, due club che quando desiderano un giocatore abitualmente non lesinano sterline. Alla Juventus, poi, l’insubordinazione è un “reato” che spesso è stato punito con la cessione, quindi…

Chiellini e Barzagli potrebbero rimanere, a patto che non si lamentino se in campo ci andranno altri, mentre se il ginocchio di Marchisio non tornerà quello pre infortunio, anche il “principino” è destinato a lasciare. Un punto di domanda anche per Sami Khedira, che nella seconda parte di stagione ha reso meno che nella prima.

Il mercato della Juventus, comunque vada, non sarà parco: 130 milioni dalla Champions, una novantina dai diritti tv della Serie A, più gli introiti delle cessioni.

Che cosa serva per arrivare a Kiev (oltre a un pizzico di fortuna) alla dirigenza è chiaro: un nucleo formato da almeno 16 grandi giocatori, che possano intercambiarsi senza pregiudicare l’esito delle gare di campionato. Perché si pensa alla Champions, ma non si dimentica il settimo scudetto.

Magazine in Edicola