Italy Photo Press

E' tempo di...
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Per mesi si è detto che questa non sarebbe stata Juventus-Napoli, ma sarebbe stata la partita di Higuain. C’era curiosità per vedere come l’attaccante avrebbe salutato Sarri; quale sarebbe stato l’approccio con gli ex compagni; come avrebbe esultato se avesse segnato (un’eventualità più che probabile…).

Sui social, in questi mesi, si erano spese troppe parole (meglio di parolacce), senza sapere che “Il Pipita” e i compagni, meglio gli ex compagni, si scambiavano messaggi. Ma fin qui…

Nella sua notte, nella notte che i tifosi e la critica, attendevano più dei protagonisti stessi, abbiamo avuto ogni genere di risposta. E le risposte ci hanno regalato un’immagine bellissima dei calciatori, ragazzi più maturi e responsabili di quanto molti pensino.

E al 71’, quando il sinistro di Higuain ha scritto la storia della partita, la scena più bella: non solo Gonzalo non ha esultato, ma anche l’esultanza dei suoi compagni, contrariamente a quanto in molti si attendevano, non è stata smodata. Grandi sono stati pure i tifosi della Juventus presenti allo “Stadium” che hanno applaudito un dribbling di Reina su Mandzukic.

Il tutto mentre la Juventus si porta a +7 sul Napoli e semina (per un po’?) un altro avversario che puntava allo scudetto. E di diciannove, a ora, ne è rimasto uno solo: la Roma.

Magazine in Edicola