Storie di calcio

  • Stiamo parlando dello stesso giocatore, di un talento purissimo che ha contraddistinto l’edizione del 1986 della Coppa del Mondo in Messico.

    Gli azzurri sono Campioni del Mondo per la terza volta e riprendo il mio viaggio senza essere sicuro della destinazione finale. Circa otto anni fa nel freddo nord, il Comandante aveva stabilito che sarei tornato in Sudamerica per una destinazione inedita, ma vi sono dei problemi. Il comandante è molto esigente ed entro pochi giorni il paese designato deve rispondere a quanto richiesto. Il suo capo, in un discorso solenne di 99 parole, ufficializza la rinuncia terminando così: “La Coppa del Mondo serve a far crescere i paesi, non devono essere i paesi al servizio della Coppa del Mondo!” Sono punti di vista! Forse la visibilità ottenuta grazie a Gabriel lo ha spinto a non puntare più su di me. Per questo il comandante deve scegliere la prossima destinazione e sorprende tutti.

    Scopri di più sul numero di dicembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

  • Heriberto Herrera: il profeta del “movimiento”. È l’allenatore paraguaiano il protagonista della prima “puntata” del nuovo speciale sulle storie di calcio curato da Alessandro Zauli, grandissimo esperto di calcio e tecnico Uefa A.

    Un viaggio nel tempo che ci racconterà gli allenatori che hanno fatto la storia del calcio, con particolare attenzione a quanto è accaduto in Italia. Incontreremo sul nostro percorso grandi figure da Fulvio Bernardini ad Arrigo Sacchi, da Nereo Rocco a Zdenek Zeman. Questo primo approfondimento ci porta alla scoperta di un allenatore dal carattere forte, con un’idea di calcio originale e moderna, incentrata sul “movimiento”. Un anticipatore di quello che sarà poi il “calcio totale” olandese e, per certi versi, un precursore della preparazione fisica.

Magazine in Edicola