adulti

  • Le qualità che devono possedere i vari calciatori per applicare questo sistema di gioco. Una sintesi dal nuovo libro della collana I tattici de Il Nuovo Calcio in uscita a fine giugno.

    I moduli sono creati per semplificare ai più la dislocazione in campo dei calciatori. Fanno riferimento al sistema di gioco e ai suoi princìpi. Il sistema di gioco rappresenta il posizionamento dei calciatori sul terreno e deve essere equilibrato, razionale ed elastico.

  • In che modo e perché attuare questa soluzione per evitare pericolose ripartenze e “bloccare” gli avversari nella propria metà campo.

    Tutti siamo affascinati dallo sviluppare un gioco propositivo, un gioco di “comando” che esalti platee e stadi. Per fare ciò dobbiamo avere ben chiari dei princìpi e come vogliamo svilupparli. Il mantenimento del possesso palla come rapporto di relazione tra compagni è un principio da perseguire in quest’ottica, indipendentemente dal sistema o dalla dislocazione con cui mettiamo in campo i nostri giocatori. Per effettuare un possesso efficace dobbiamo avere calciatori con caratteristiche di tecnica applicata importanti come smarcamento, passaggio, ricezione e avere ben chiare le altezze di campo dove effettuare il mantenimento del possesso e il perché.

    Scopri di più sul numero di marzo: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

  • Una situazione che si può presentare frequentemente a qualsiasi livello: come gestirle e in che modo allenarle. L’allenatore di oggi deve per forza di cose porre sempre più attenzione ai dettagli e lo studio continuo del nostro sport ha portato a un arricchimento del vocabolario calcistico e a un’analisi di tutte le diverse situazioni che possono accadere in partita.

  • Il secondo articolo scritto da Michele Marro ci porta ad un approfondimento riguardante lo stacco da terra, un esercizio fondamentale per il miglioramento di forza e potenza, oltre che della coordinazione motoria. All’interno troviamo un’analisi dettagliata della didattica del movimento oltre a quelli che sono gli errori più comuni che vengono commessi nell’esecuzione di questo esercizio. L’importanza di questa gestualità è trasversale proprio per la sua natura: si tratta infatti di un esercizio che, personalizzato per tempi, modalità e carichi dal preparatore, può essere un ottimo strumento per costruire la struttura fisica del calciatore nel settore giovanile e rappresenterebbe un valido aiuto per i lavori di forza del calciatore evoluto.

  • Come utilizzare questo mezzo in base all’obiettivo del training. L’attenzione da prestare alla meccanica del gesto e alcuni esempi di sedute.

    Tra i diversi mezzi di training impiegati per allenare il calciatore troviamo il traino con la slitta, appartenente al gruppo del metodo resistivo. La slitta viene utilizzata per creare un carico aggiuntivo sul piano orizzontale nell’esecuzione dello sprint.

Magazine in Edicola