Settore giovanile
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L’utilità di sviluppare la fase difensiva scomponendo e ricomponendo le situazioni che si verificano durante una gara secondo la metodologia Fil Rouge.

Fil Rouge è un metodo formativo completo. Ne abbiamo parlato a lungo su questa rivista presentando l’intera metodologia (vedi gli articoli apparsi a partire dal numero di “ottobre 2018”, nel box a corredo di questo scritto un sunto degli esercizi “base”). Al suo interno sono presenti, oltre a una filosofia chiara che sottende la metodologia stessa, i princìpi di gioco per le diverse fasi, le proposte di training specifico difensivo, offensivo, per i portieri e di tipo cognitivo motorio. La qualità più importante del Fil Rouge è l’adattabilità, che può essere riferita alla struttura/contesto in cui viene sviluppata oppure in relazione alla qualità di giocatori a disposizione, tenendo sempre in considerazione il mondo in cui agiamo, quello calcistico, che è in continua evoluzione, sia socialmente sia professionalmente.


La Fase difensiva
Come si può sviluppare la fase difensiva quindi? Mantenendo lo stesso approccio che Fil Rouge ha con il resto del gioco. Non ci focalizzeremo sull’esercizio perché lo riteniamo unicamente un mezzo per migliorare. Cercheremo di andare oltre alla costruzione di una bella proposta per chi la osserva, puntando su un’esercitazione semplice e allo stesso tempo complessa nella sua composizione per via dei contenuti che sottoponiamo ai ragazzi.

Nel calcio moderno, poi, l’aspetto cognitivo è sempre più rilevante, pertanto è necessario scegliere situazioni che stimolino la fase tattica da allenare, senza tralasciare, per esempio, la presa d’informazione o il posizionamento in relazione ai 3 fattori fondamentali della fase difensiva: palla, porta e avversario. Detto questo, si può partire da un esercizio dal quale estrarre tutte le successive proposte difensive necessarie ai ragazzi, addirittura funzionali per un’intera stagione. È determinante comunque optare per una struttura che renda i giocatori consapevoli di quello che stanno facendo. Questo permette al calciatore di incrementare il suo bagaglio di competenze, andando dal conosciuto allo sconosciuto e viceversa, dalla zona di comfort a quella di “paura”, passando per l’apprendimento e l’accrescimento personale, spostando quindi il “comfort” di partenza.

Nel costruire il carnet di esercitazioni stagionali, si può incominciare da due esercizi di riferimento:
- special Roma anticipo – duello;
- special Roma Micro difensivo – duello.

Scopri di più sul numero di gennaio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Magazine in Edicola