Attività di base
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Come organizzare al meglio un intervento efficace con le squadre dell’attività di base (Pulcini ed Esordienti in tal caso) quando si ha solo un quarto di campo a disposizione.


In molte realtà dilettantistiche, avere l’intera “filiera” dalle categorie dai Piccoli Amici-Primi Calci alla Juniores è alle volte molto difficile. Per le società che si sono ben organizzate o hanno una determinata storia ed è una consuetudine avere “tutte le squadre”, questa situazione, sicuramente positiva, però può causare alcune difficoltà. Una su tutte quella delle strutture da utilizzare per gli allenamenti, ovvero la disponibilità di spazi e campi su cui prepararsi. Molto spesso si può sfruttare un unico campo, lasciandone metà ai gruppi del settore agonistico (Giovanissimi, Allievi o Juniores) e l’altra metà deve essere divisa tra Esordienti e Pulcini o Piccoli Amici e Primi Calci. Per questi motivi, la programmazione della seduta diventa fondamentale, soprattutto per ottimizzare il poco spazio a disposizione. In questi casi, è indispensabile sapere prima di incominciare quanto “campo” si può sfruttare e strutturare di conseguenza gli esercizi, in modo che le idee siano chiare e vi sia poco da modificare quando si passa da un esercizio a un altro.

Scopri di più sul numero di febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Magazine in Edicola