La tecnica aerea

Attività di base
Typography

In che modo stimolare i gesti acrobatici nelle fasce più “basse” del settore giovanile. Un’utile progressione di attività.

Ricordate il mancino al volo di Zinedine Zidane nella finale di Champions League Real Madrid –Bayern Leverkusen? Era il 15 maggio 2002, la palla crossata da Roberto Carlos sembrava scendere dal cielo, ma il fuoriclasse francese riuscì a coordinarsi in maniera perfetta e calciare in rete. Impossibile, poi, dimenticare i due gol volanti di Dejan Stankovic da centrocampo, datati ottobre 2009 e aprile 2011. Il primo al Genoa, il secondo allo Shalke 04 (eletto miglior gol degli ultimi 20 anni dell’Inter). Il centrocampista serbo segnò calciando, in entrambi i casi, al volo, il pallone rinviato dagli increduli portieri, rispettivamente Amelia e un certo Manuel Neuer. Cosa si nasconde dietro a gesti di altissima fattura? Sicuramente componenti coordinative, tecniche, tattico-strategiche e mentali; qualità particolari, speciali, che, con le difficoltà del caso, proveremo a descrivere per dare uno spunto a tutti coloro che vogliono agire sotto tale aspetto nell’allenamento dei più piccoli.

LE COMPONENTI
Analizzando l’allenamento della tecnica aerea, intesa come gestione e attacco di parabole aeree, ciò che pare di grande rilevanza per il giocatore è la componente coordinativa legata all’organizzazione spazio-tempo. Nello specifico, questa si compone di due aspetti: l’organizzazione del proprio schema corporeo (proiezione di sé e dei propri segmenti corporei nello spazio) e la corretta valutazione delle traiettorie. Assodato questo prerequisito coordinativo (per niente scontato), entrano in gioco aspetti di tipo tecnico, relativi alla sensibilità della superficie che impatta la palla, alla gestualità e al movimento degli arti, del tronco e del collo (per il colpo di testa). Da non trascurare infine i fattori tattico-strategici, quelli che il giocatore mette in atto in base alla situazione di gioco, secondo i comportamenti e i posizionamenti in campo di compagni e avversari.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di giugno in edicola o in abbonamento