Che tipologia di trasformazioni possono avere i vari sistemi di gioco nelle due fasi.
Come difendere in un “modo” e attaccare in un altro.
Alcuni esempi pratici.

Leggi tutto...

Storie di calcio
Una nuova rubrica che ci porta alla scoperta della storia e delle curiosità che si celano dietro al premio più ambito a livello individuale. Otto capitoli nei quali porteremo alla luce i vincitori più importanti, partendo dal primo: Stanley Matthews.

Leggi tutto...

Il saper fare dell’allenatore e i princìpi che devono guidare il suo comportamento sia in campo sia fuori campo.

Leggi tutto...

Gli approfondimenti de’ Il Nuovo Calcio
È opportuno dare delle “regole” o “obiettivi” ai giovani giocatori: ricerca del filtrante tra i due giocatori, copertura dei centrali...

I rondos sono un mezzo di allenamento che ormai ritroviamo spesso anche sui nostri campi. Venuti alla ribalta grazie alla dif
fusione della periodizzazione tattica di stampo spagnolo, per certi versi assomigliano ai “torelli nostrani”, diversificandosi per le finalità che perseguono e per una disposizione prestabilita da parte dei giocatori, utile ad avvicinarsi a ciò che potrebbe avvenire in gara.

Leggi tutto...

Il primo di una serie di approfondimenti dedicati alle varie categorie del settore giovanile. In questo numero, Stefano Pasquinelli si concentra sulla categoria degli Esordienti e in particolar modo sull’ultimo anno dell’attività di base. Nello scritto viene analizzata l’età dei giocatori, a cavallo tra la seconda fanciullezza e la pubertà, che richiederebbe un lavoro personalizzato, date le grandi differenze che si possono riscontrare tra i vari bambini. Inoltre, viene affrontato il tema dell’organizzazione, per la quale si consiglia di dividere la stagione in macro, meso e microcicli.

Leggi tutto...

Speciale Master 2018 - Settore giovanile

L’intervento di Simeoni, in aula e in campo, che ha espresso i concetti chiave per sviluppare la fase d’attacco. La ricerca della parità numerica e l’importanza di lasciare liberi i giocatori di scegliere. Alcune proposte pratiche.

A concludere i due giorni dedicati all’approfondimento sul settore giovanile è Lorenzo Simeoni, lo scorso anno tecnico dei Giovanissimi sperimentali del Padova, quest’anno al Vicenza, dove coordina gli allenatori del vivaio e allena la squadra under 17. Abbonato alla nostra rivista dal 1992 – ci ha confessato – ne ha conservato tutti i numeri. Poi ha iniziato collaborare con Il Nuovo Calcio scrivendo diversi articoli e ora è relatore al nostro Master. Un allenatore a 360°, arricchito dalle esperienze come responsabile di Scuola Calcio e Settore Giovanile, in possesso del patentino Uefa A e anche preparatore atletico professionista.

Leggi tutto...

CONSIGLI PER GLI ALLENATORI
1 - Più che allenare, addestrare o insegnare, in queste categorie è conveniente favorire e assecondare le motivazioni che portano i bambini a voler venire al campo.
2 - Oltre al cosa si dice è importante il “come” si parla con i più piccoli. La velocità delle parole e il tono utilizzato dall’istruttore sono elementi che possono facilmente alterare il significato di quanto si proferisce. È bene essere pacati, armoniosi e “caldi”.

Leggi tutto...

CONSIGLI PER GLI ALLENATORI

1- Ai giocatori è richiesto di risolvere un’infinità di problemi non previsti a priori, pertanto il processo cognitivo diventa vitale per il gioco, conferendo a questo una natura di predominanza tattica. Ecco che è importante strutturare esercitazioni che si avvicinino il più possibile a ciò che accade in partita, stimolando i calciatori a prendere decisioni in funzione di spazio, compagni e avversari.

Leggi tutto...

CONSIGLI PER GLI ALLENATORI
1 - Ricordare che il gioco in questa categoria è la prima modalità di apprendimento di qualsiasi gesto tecnico. Garantisce divertimento e concentrazione.
2 - La conduzione palla è uno dei primi “fondamentali” da insegnare, in quanto il continuo contatto col pallone stimola la sensibilità nella gestione dell'attrezzo.
3 - La presenza di avversari ricrea quell’imprescindibile contesto situazionale che aiuta in uno sport open skill quale il calcio.
4 - Il rapporto con il giovane calciatore deve essere sempre positivo, gratificante per entrambi. Un sorriso, un cinque, un “bravo!” stimolano i bambini a fare ancora meglio.
5 - Nell’insegnamento della conduzione è opportuno specificare in forma induttiva quando conviene effettuare “tanti tocchi” e quanto "pochi".

Leggi tutto...

Come organizzare le sedute dei portieri al netto dei possibili impegni infrasettimanali. L’importanza del confronto da parte dell’allenatore con tutti i componenti dello staff e di stilare macrocicli e microcicli per il raggiungimento dei determinati obiettivi.

Leggi tutto...

Speciale precampionato
Quali comportamenti adottare coi giovani portieri, ma anche con gli adulti per arricchire il loro bagaglio motorio e soprattutto tecnico. L’importanza delle percezione nell’allenamento situazione per i più grandi. Cosa fare (“Sì, sempre”) e quali errori non commettere (“Attenti a…”)

Il precampionato è un momento importante per lavorare coi numeri uno visto anche il maggior tempo a disposizione per allenarsi. Con quelli idealmente dagli Esordienti e dei Giovanissimi la tecnica è fondamentale, poi contano le situazioni e le percezioni dei portieri.

Leggi tutto...

La modalità migliore per effettuare un training efficace con i portieri nelle categorie Pulcini ed Esordienti. La necessità di modulare le proposte in base al numero di giocatori presente.

L’allenamento del portiere assume un ruolo centrale e sempre più rilevante nel contesto di squadra e deve essere sviluppato in modo da far emergere quelle qualità che risaltano il giovane numero uno.

Leggi tutto...

L’articolo di Enrico Mordillo si apre con le differenze da tener conto in fase di programmazione fra donne e uomini, o meglio calciatori e calciatrici. Successivamente viene indicato quando andare a sollecitare l’aspetto aerobico, generalmente all’inizio del microciclo settimanale.

Leggi tutto...

Lo scritto di Katia Serra è incentrato sulle novità e i cambiamenti che vedranno coinvolto il mondo del calcio femminile. Infatti, entreranno in vigore nuove norme, che andranno a toccare gli orari delle gare, i criteri di retrocessione e promozione e l’accesso alla Women’s Champions League per quanto riguarda la Serie A.

Leggi tutto...

Quanto conta a inizio anno osservare le atlete per stilare un piano di lavoro funzionale alle loro esigenze e al modello di gioco che si intende proporre. Lo sviluppo delle componenti fisiche e l’importanza della comunicazione.

Leggi tutto...

Perché è importante lavorare su questi movimenti in forma “fondamentale” e specifica, con e senza palla.

Leggi tutto...

Uno studio sulla capacità di ripetere sprint nel mondo del calcio femminile. La ricerca scientifica conferma l’importanza di allenare in modo corretto questa capacità con le donne.

Il calcio femminile è un movimento che sta crescendo sempre più in termine di numeri e attenzione del pubblico e dei media in generale. Uno studio della UEFA (2017) ha evidenziato un incremento del 34% dal 2000 ad oggi del numero delle giocatrici, con 6 paesi (Inghilterra, Francia, Germania, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia) che hanno più di 100.000 atlete.

Leggi tutto...

Lo scritto di Manuel Gallelli che ha indicato le modalità operative per il traino con la slitta in base all’obiettivo dell’allenamento.

Leggi tutto...