Per chi vuole approfondire - IL PARADOSSO DELL’ALLENAMENTO DELLA FORZA A BASSA VELOCITA’

News
Typography

Il lavoro di potenziamento a bassa velocità può apparire un “paradosso”. Durante la contrazione muscolare “lenta” si riduce, nel muscolo, il flusso del sangue; oltre alla produzione di metaboliti e si verifica un intervento precoce delle fibre veloci. Di seguito, alcuni vantaggi del metodo: uso di sovraccarichi moderati, marcato stimolo dei parametri ormonali, immediata sensazione di “presa” di tono muscolare, ridotto o nullo indolenzimento muscolare dopo il lavoro, esecuzione anche a carico naturale. Una delle varianti della metodologia, quella definita “antalgica”, si sta sempre più segnalando come molto efficace, non solo nell’attenuare alcuni disturbi di natura muscolo-tendinea e articolare, ma anche nel favorire la loro risoluzione.

Il lavoro a bassa velocità non rappresenta una novità, piuttosto può apparire tale la combinazione di lavoro a bassa velocità e serie a scalare (stripping): questa combinazione ha dato il nome alla variante chiamata “Metodo della Serie Lenta a Scalare” (MSLS). Il metodo della serie lenta a scalare, caratterizzato dal sollevare carichi ridotti, amplifica gli effetti di una sola serie lenta, poiché si prolunga, fino alla soglia “massima” dell’esaurimento.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di maggio in edicola o in abbonamento