Le opzioni di gioco sulle fasce laterali per il sistema di gioco in questione. Combinazioni, rotazioni e inserimenti, oltre a cenni di fase difensiva.

Il 4-3-3 è un sistema che nasce come contrapposizione difensiva al 4-2-4 che si utilizzava spesso negli anni ‘50 in Brasile perché consentiva di avere un uomo in più a centrocampo senza compromettere la tendenza offensiva del calcio carioca. Permette di coprire il campo in profondità e in ampiezza, grazie alla naturale disposizione dei giocatori, e offre la possibilità di esprimere un gioco offensivo con uno scaglionamento efficace.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di maggio in edicola o in abbonamento

Le opzioni di gioco sulle fasce laterali per il sistema di gioco in questione. Combinazioni, rotazioni, interscambi e inserimenti.

Nel calcio la base di qualsiasi modello di gioco è l’organizzazione. Attraverso questa si può trasformare un movimento sincronizzato tra più giocatori in un’azione unica di squadra. Si tratta di passare dalla moltitudine di pensieri all’uno pensante. In tale contesto la collaborazione e le “relazioni” tra i singoli giocatori sono determinanti per gestire una situazione nel modo più efficace. In un sistema, le relazioni tra i calciatori sono vincolate dagli spazi che intercorrono tra loro e dal modo e dal tempo in cui queste zone vengono occupate. Nel sistema tattico che spiegheremo in questo articolo, il 4-4-2, porremo l’attenzione sui comportamenti dei giocatori che presidiano in partenza il settore esterno del campo, ovvero le catene laterali.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di aprile in edicola o in abbonamento

Anche con le prime squadre può essere utile un intervento sul singolo giocatore dal punto di vista tattico individuale. Come organizzarlo e una serie di esercitazioni per “ruoli”.

Negli ultimi anni il concetto di lavoro individualizzato ha pienamente preso piede nel mondo del calcio, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto fisico, molto spesso personalizzato in base ai test e al livello di forma dei calciatori. In alcuni casi si è scelto di agire in tale direzione anche dal punto di vista tecnico, per sopperire alle carenze individuali oppure per migliorare in alcuni gesti specifici. Queste 2 componenti individualizzate dell’allenamento hanno di recente intrecciato i propri destini con l’aspetto tattico; ad esempio, grazie alle ricerche sul modello prestativo dei calciatori sappiamo che la performance e le richieste fisiche per giocatori di ruoli differenti possono essere abbastanza lontane tra loro.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di aprile in edicola o in abbonamento

Perché può risultare fondamentale proporre agli attaccanti lavori specifici per il ruolo. L’importanza dei comportamenti tipici della punta e l’idea di un mister specialista per questi elementi.

Il mio passato calcistico da punta e il successivo passaggio al ruolo di allenatore mi hanno fatto riflettere in modo particolare sulle qualità e sui comportamenti tipici dei giocatori schierati appunto come attaccanti. Ho cercato di studiare le varie situazioni e cercare di comprendere i movimenti e le azioni di questi elementi e soprattutto l’atto conclusivo, la finalizzazione vera e propria. Anche perché negli ultimi anni il calcio ha subìto notevoli trasformazioni per quanto riguarda l’interpretazione della fase offensiva e l’evoluzione del ruolo, per certi versi, è stata “negativa”. Infatti, i giocatori che agiscono in tale posizione (che sia centrale o esterna) non sempre sono valorizzati e sostenuti da tecniche di allenamento adeguate alle caratteristiche specifiche. Non dimentichiamo infatti che “fare gol” è l’azione più complessa di tutto il calcio e non si può sperare di trovare sempre il calciatore dalle doti innate da questo punto di vista, il “bomber” dal “fiuto del gol” naturale. Ce ne sono pochi, sono ricercatissimi in qualsiasi categoria. E pure costosi per le società. Ecco che ci deve venire in aiuto l’allenamento.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di aprile in edicola o in abbonamento

Quattro possibilità per gestire l’inizio azione dal portiere secondo i comportamenti degli avversari. Le esercitazioni per migliorare.

Fin dal primo giorno che sono arrivato al Lugano ho cercato di trasmettere le mie idee tattiche. Infatti, credo sia fondamentale per un allenatore subentrante valutare la situazione in cui deve lavorare e considerare quanto fatto dal predecessore, ma anche spiegare ai calciatori la propria filosofia. In pratica il calcio che si desidera proporre. E per quanto mi riguarda ho puntato su costruzione del gioco, rotazione dei centrocampisti e occupazione degli spazi con continui movimenti senza palla. Il principio di fondo che volevo trasferire ai ragazzi è quello di “scegliere le situazioni e non subirle”.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di aprile in edicola o in abbonamento

L’importanza di un riscaldamento ottimale per il calciatore incentrato sui concetti di mobilità e stabilità articolare. Le proposte del trainer americano Mike Boyle e il suo metodo joint by joint.

Una visione funzionale dell’allenamento deve porre l’attenzione sulla valorizzazione degli schemi motori di base (rolling, squatting, pulling, pushing, lunging, bending ovvero rotolare, accovacciarsi, tirare, spingere, effettuare un affondo, piegarsi…). Talvolta però questi movimenti sono limitati dalla mancanza di mobilità o di stabilità delle articolazioni interessate. Secondo Gray Cook, uno dei co-fondatori del metodo FMS (functional movement system – si tratta di 7 test per capire i “limiti” di un atleta, ndr), il corpo umano è considerato come una sequenza di articolazioni che si sovrappongono le une alle altre, dotate tutte di specifiche funzioni; qualora non vi fosse un corretto funzionamento di una di queste, potrebbero insorgere delle problematiche che coinvolgerebbero anche le zone limitrofe.

Ai nostri giorni, a causa della vita sedentaria che si conduce o dei comportamenti spesso scorretti che si attuano, può verificarsi che la funzione di queste articolazioni sia alterata: ciò potrebbe voler dire che alcune necessitano di maggiore stabilità, visto che magari sono instabili; altre, invece, potrebbero essere rigide e potrebbero migliorare nella loro funzione se diventassero più mobili.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di marzo in edicola o in  abbonamento

Nel numero di febbraio abbiamo illustrato le attenzioni da avere per una ripresa ottimale dalla tribuna. In questo parleremo di tutto il lavoro da svolgere dopo il match.

Come abbiamo visto nello scorso articolo per svolgere un ottimo lavoro di match analysis è determinante organizzarsi meticolosamente, prestando molta attenzione ai dettagli. Arrivare al campo almeno un’ora prima dell’inizio della partita, trovare il posto migliore sulla tribuna per preparare la postazione di ripresa, sono elementi fondamentali per agire al meglio nei dilettanti. In questo scritto, invece, parleremo del dopo gara, cioè di come utilizzare quanto fatto durante la partita per trasformarlo in uno strumento al servizio della squadra.

LA CONSEGNA DEI VIDEO
Innanzi tutto, è utile condividere immediatamente alcune informazioni con lo staff tecnico. Solitamente, subito dopo il fischio finale, conviene copiare il video della partita su un hard disk (HD) esterno e consegnarlo all’allenatore per dargli la possibilità di rivedere l’incontro già in serata. Per agire in questa direzione, è necessario dotarsi di un personal computer portatile abbastanza performante. Il tempo necessario per trasferire sul computer il video dell’incontro, unirlo e ricopiarlo sull’hard disk è di circa 30’. Meglio avere, però, un certo margine operativo: basta infatti un imprevisto, come la batteria scarica del PC, la necessità di spostarsi a causa di intemperie o la richiesta di alcuni arbitri di rivedere alcune azioni, e la consegna del lavoro slitta di qualche decina di minuti. E non è piacevole far aspettare più del previsto chi vi ha commissionato il lavoro: ne pagherete in termini di considerazione e professionalità. Per l’archiviazione dei file video e la consegna a mano degli stessi, consiglio degli hard disk portatili da almeno 1 TB (1.000 GB) con presa USB 3.0. Il costo è abbastanza contenuto, si aggira sui 70 euro.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di marzo in edicola o in abbonamento

Codificare posizionamenti e comportamenti da attuare appena riconquistata palla può essere un’arma micidiale per mettere in difficoltà qualsiasi avversario. I riferimenti da avere e come allenare appunto le transizioni positive. 

Come ormai tutti sanno la transizione positiva è il momento in cui si riconquista la palla e si ha la possibilità di effettuare un riattacco. La riconquista può avvenire in vari settori di campo, alcuni più pericolosi di altri. La zona centrale é quella migliore, visto che si può “ripartire” su entrambi i lati, oltre che dirigersi direttamente verso la porta. Questa considerazione può portare gli allenatori a indirizzare la squadra avversaria in tale zona (e non esternamente) per portare un eventuale pressing collettivo. E questa è già una scelta tattica importante: si tratta di invogliare verso il centro del campo gli oppositori con opportuni posizionamenti e… aggredire.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di marzo in edicola o in abbonamento

Le ultime evoluzioni legate all’organizzazione tattica collettiva. Come e perché può essere utile scendere in campo senza “posizioni fisse” nelle due fasi di gioco, agendo per princìpi. 

In questi ultimi anni abbiamo visto come il sistema di gioco di una squadra si sia evoluto, cambiando da struttura statica a dinamica, facendo diventare superate le vecchie definizioni che inquadravano l’atteggiamento di un undici nella disposizione iniziale.

Abbiamo sempre detto, infatti, che ogni squadra attua un sistema di gioco in fase difensiva e uno in fase offensiva, a seconda dei movimenti dei giocatori nei 2 momenti del gioco (vedi articoli sul “Sistema di gioco 2.0” apparsi su questa rivista). Come ulteriore evoluzione di questa situazione, nelle ultime stagioni alcuni team hanno estremizzato il concetto, non solo variando il sistema da possesso a non possesso, ma, di fatto, cambiandolo continuamente, creando praticamente una squadra che, di fatto, gioca senza modulo di riferimento in attacco e difesa. Abbiamo deciso di chiamare questa scelta sistema “fluido”. Si caratterizza per la mancanza di una struttura precisa in una delle 2 fasi di gioco.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di marzo in edicola o in abbonamento

Allenamento fisico
Il distretto degli hamstring è quello più soggetto a infortuni di tipo indiretto. Cosa dice la scienza e le soluzioni in termini di prevenzione.

La congestione dei calendari agonistici a livello nazionale e internazionale, così come l’incremento delle intensità di gioco e le conoscenze sui modelli prestativi riferiti agli sport di squadra, richiedono alla preparazione atletica una rinnovata attenzione, non solo ai fattori che determinano l’incremento o il mantenimento della performance, ma anche a quelli che garantiscono la prevenzione dagli infortuni, o che perlomeno tentano di ridurne il rischio.

Gli studi epidemiologici (quelli relativi alla distribuzione e alla frequenza delle malattie) sottolineano come lo sport di vertice (e non solo) presenti un trend preoccupante dal punto di vista traumatologico, con particolare riferimento alle lesioni muscolari. L’attenzione nei riguardi degli aspetti preventivi non è però unicamente appannaggio del calcio d’élite; gli aspetti legati alla tutela della salute tanto dello sportivo dilettante quanto del giovane praticante o del professionista sono temi che caratterizzano sempre di più la congressistica specifica e, di conseguenza, la ricerca.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di febbraio in edicola o in abbonamento

Perché è utile per allenatore e preparatore insistere sui movimenti del giocatore in funzione di quello che accade sul terreno di gioco.

Un giocatore di alto livello deve possedere delle abilità tecniche che gli permettono di soddisfare al meglio le esigenze richieste dalla gara; deve essere capace di risolvere situazioni tattiche ed essere preciso in quello che è l’atto puramente motorio. Un atto che può essere più o meno cosciente; a seconda del grado di competenza, conoscenza, esperienza che l’atleta possiede, l’azione motoria sarà più o meno immediata, finalizzata e accurata.

LO SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI SPOSTAMENTO
Vari Studi (Myers & Hawkins, 2010) hanno dimostrato che la meccanica dei movimenti, come quelli che prevedono i cambi di di- rezione, può essere insegnata attraverso appropriate istruzioni e un’adeguata pratica delle abilità di movimento, in modo da migliorare direttamente la prestazione in molti dei suoi aspetti e ridurre gli infortuni. Le abilità di spostamento e i movimenti del calciatore sono il primo obiettivo che un preparatore deve perseguire, affinché queste interagiscano positivamente sulla qualità di gioco del giocatore stesso.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di febbraio in edicola o in abbonamento

L’allenamento di questi due gesti tecnici, determinanti per il calciatori, con le prime squadre. Perché è fondamentale perfezionarli ancora e alcune soluzioni pratiche.

Molto spesso si pensa che l'allenamento della tecnica individuale sia essenziale nei settori giovanili, trascurando l'importanza degli stessi concetti nelle prime squadre. Il calcio moderno è caratterizzato da grande velocità: la capacità di effettuare controlli orientati efficaci e passaggi funzionali allo sviluppo del gioco è, pertanto, un presupposto unico nell'organizzazione della fase di possesso. Proprio per questo, l'allenatore deve ritagliare sempre il giusto spazio durante la settimana per esercitazioni che abbiano come obiettivo il miglioramento di tali aspetti di tecnica individuale. Ovviamente, un tecnico di prima squadra ha un obiettivo principale: vincere la partita domenicale. Per ottenere il risultato è fondamentale l'organizzazione tattica, sono molto importanti le componenti mentali e fisiche, ma ciò che risulta decisivo è frequentemente la qualità di esecuzione di ogni gestualità tecnica.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di febbraio in edicola o in abbonamento

 

Un momento determinante nel calcio moderno che deve essere gestito al meglio dai giocatori. Compito dell’allenatore è sintetizzare e semplificare i concetti per consentire ai propri uomini di reagire correttamente a palla persa.

Josè Mourinho durante un'intervista ai tempi del suo trasferimento a Londra alla guida del Chelsea rispose così alla domanda su quali fossero le tendenze tattiche nel calcio di alto livello: “Le transizioni sono diventate cruciali. Quando l’avversario è organizzato difensivamente, è molto difficile segnare. Il momento in cui perde la palla, può essere l'occasione per sfruttare la possibilità di trovare qualcuno fuori posizione. Allo stesso modo, quando noi perdiamo il pallone dobbiamo reagire immediatamente… I giocatori devono imparare a leggere la partita, a capire quando pressare e quando ritornare alle loro posizioni difensive. Tutti dicono che le palle inattive facciano vincere le partite, ma io penso che siano più determinanti le transizioni” (www.uefa.com).

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di febbraio in edicola oin abbonamento

 

Un gesto tecnico spesso poco curato nel settore giovanile che deve essere assolutamente insegnato ai ragazzi. Le componenti coordinative, tecniche e tattiche legate alla sua esecuzione.

Il regolamento del calcio prescrive che, quando la palla supera – con tutta la sua circonferenza – una delle linee laterali del campo, il gioco debba essere ripreso mediante un lancio effettuato con le mani da uno dei calciatori della squadra che non ha inviato la sfera fuori dal rettangolo di gioco. Si tratta di eseguire una rimessa laterale. La sua tecnica, poiché richiede l’uso delle mani, non presenta eccessive difficoltà ed è pressoché identica, sia che venga effettuata da fermi, sia in movimento, cioè con rincorsa. Vediamo i particolari esecutivi che devono sottostare chiaramente al regolamento.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di gennaio in edicola o in abbonamento

Campetti realizzati con software YOUCOACH - www.youcoach.it

Adulti

L’impostazione dell’azione dalle retrovie con questo sistema di gioco e i suoi sviluppi. L’importanza della disposizione di partenza e le soluzioni contro diverse organizzazioni tattiche.

Per impostare efficacemente un gioco manovrato sarà fondamentale prevedere delle uscite difensive efficaci. In questo articolo, parleremo di quelle del 4-4-2 e quindi della preparazione di uno sviluppo offensivo partendo non più dal rinvio lungo del portiere o da un rilancio di un difensore, ma dalla costruzione di un’azione che nasce dalla zona “bassa”.

LA DEFINIZIONE
Le uscite difensive sono tutti quegli sviluppi in fase offensiva finalizzati ad avviare un’azione attraverso il mantenimento del possesso e la manovra organiz- zata (definizione del Settore Tecnico di Coverciano). Per effettuare delle uscite ottimali è determinante la ricerca del tempo e dello spazio di gioco in quanto si agisce in settori di campo ristretti. Ricordiamo sempre che il tempo di gioco viene dettato dal possessore, mentre lo spazio è determinato dall’elemento senza la sfera.
L’obiettivo principale delle uscite è quello di creare delle situazioni di superiorità numerica tipiche del 2>1, oppure ricercare una rapida risalita della squadra dopo una verticalizzazione lunga. Diventa fondamentale, quindi, il ruolo del portiere come principale sostegno per lo scarico dei difensori.
Il numero uno moderno, infatti, deve avere delle importanti capacità tecniche per controllare e passare la palla in maniera corretta e conoscere gli sviluppi tattici collettivi.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di gennaio in edicola o in abbonamento

I nostri esperti hanno preparato per voi una serie di esercizi per l’attività di base, ovvero i bambini dai Piccoli Amici agli Esordienti. Esercizi con vari obiettivi (tecnici, situazionali, legati alle partite a tema, di natura psicocinetica o ludica) che ogni allenatore può inserire nel proprio piano di allenamento. Chiaramente “tarandoli” e adattandoli alla categoria e alle qualità dei propri giocatori. A lato, uno schema che può aiutare a stabilire la difficoltà delle diverse proposte pratiche, dalle più facili (Piccoli Amici-Primi Calci) con un “+” agli Esordienti (++++). Gli esercizi sono stati curati da Fabio Pansera, Stefano Florit, Giovanni Messina, Roberto Ferrario, Roberta Antignozzi, Andrea Cattaneo, Gabriele Boccolini, Marco Mingardi, Alessio Marelli, Luca Molteni, Davide Caliaro, Massimo Arrighi, Simone Bombardieri, Betty Bavagnoli, Francesco Satta, Elisabet Spina, Loris Ceresa.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di dicembre in edicola o in abbonamento

La sosta invernale
I presupposti metodologici e razionali di questo periodo. Due tipologie di cicli di allenamento per le squadre dilettanti.

La pausa invernale è un periodo che può rivelarsi molto utile per numerosi aspetti, ma che presenta allo stesso tempo delle difficoltà di gestione, soprattutto per le categorie dilettanti. Il primo elemento da considerare riguarda la durata, differente a seconda della categoria e dei diversi Comitati Regionali. Tendenzialmente, quest’anno, numerosi campionati terminano a metà dicembre (11 o 18) e ricominciano a metà gennaio (in alcuni casi anche prima). Pertanto, teoricamente sono 3, massimo 4 (salvo casi isolati, vedi Alto-Adige) le settimane di stop.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di dicembre in edicola o in abbonamento

La metodologia della PT, nata grazie a Vitor Frade, dà grande risalto alla specificità delle proposte, al modello di gioco e ai giochi di posizione.

Come ampiamente spiegato negli articoli precedenti dove abbiamo parlato di Periodizzazione Tattica (PT), questa metodologia nasce in Portogallo negli anni ‘80 grazie alle innovative idee di Vitor Frade, professore emerito dell’Università di Oporto. Il luminare lusitano, a seguito di studi multidisciplinari che hanno inglobato vari campi del sapere (filosofia, psicologia, teoria dei sistemi, geometria frattale), ha teorizzato un metodo in cui, a fondamento di ogni esercitazione, la dimensione tattica è il punto di riferimento preponderante. A tale dimensione vengono subordinate le altre tre che stanno alla base di tutti gli allenamenti calcistici: psicologica, tecnica e fisica.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di dicembre in edicola o in abbonamento

Marco Gritti

Adulti

La seconda serie di esercizi da utilizzare per il “suspension training” in progressione per agire al meglio in termini di performance e prevenzione degli infortuni.

Nell’articolo precedente abbiamo visto come l’allenamento in sospensione sia diventato un mezzo molto utilizzato nel mondo del calcio, finalizzato non solo al miglioramento della “performance del movimento”, cioè dello sviluppo delle capacità coordinative, propriocettive, neuromuscolari che ne determinano l’efficacia, ma ha acquisito una connotazione molto fondamentale per quanto concerne la prevenzione degli infortuni.

Metodologicamente, il cardine dell’suspension training è la progressività degli esercizi, da scegliere sempre in relazione alla valutazione soggettiva dei calciatori. Dopo avervi mostrato il primo step con le proposte pratiche scandite secondo il box a lato, ora nel secondo step i movimenti diventano sempre più complessi e specifici per perfezionare la qualità del controllo del movimento.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di dicembre in edicola o in abbonamento

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi.

Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme a un’importante rapidità nella trasmissione della palla. Infine, sono necessarie agilità e velocità specifiche (quest’ultime anche di tipo decisionale).
Pure in palestra è cambiato completamente l’orientamento: si sono ridotti decisamente i sovraccarichi spostando l’attenzione dal muscolo al movimento, con un tipo di stimolo più funzionale, a corpo libero o con piccoli attrezzi. I contenuti sono basati su riequilibrio, instabilità e core stability…
Operando in questa direzione, si possono ottenere adattamenti neuromuscolari in tempi brevi.
In questo contesto si inserisce bene l’adozione del metodo “Tabata”.

DI COSA SI TRATTA?
Il Tabata è un esercizio intermittente, un particolare interval training ad alta intensità (HIIT), ideato nel 1996 da Izumi Tabata, un medico giapponese.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di novembre in edicola o in abbonamento

L’utilità e le motivazioni per ricercare una prolungata gestione del pallone. L’importanza della superiorità numerica.

Una delle statistiche più gettonate fra quelle che possono essere scoprire tramite l’analisi di una partita, è quella relativa al possesso palla, che è espresso in tempo o in percentuale, e consente un facile confronto statistico fra le due contendenti. Mentre una volta il calcolo di questo dato era molto complicato e riservato alla match analysis di altissimo livello, adesso è possibile individuarlo, in maniera per certi versi un po’ approssimativa, anche attraverso l’utilizzo di semplici applicazioni per smartphone e tablet. Questo permette di usufruirne in tutte le categorie, anche quelle non professionistiche.

Avere maggior possesso palla dell’avversario significa gestire per più tempo la palla, sia in fase offensiva sia difensiva ma, come sappiamo bene, non è garanzia di successo in una gara o nella stagione. Esistono, infatti, squadre che sono vincenti anche in virtù della loro eccellente capacità di controllare il gioco (esempi facili sono Barcellona, Bayern Monaco e Napoli); altri undici, invece – pur mantenendo una grande gestione del pallone statisticamente nella stagione – non riescono a raggiungere i loro obiettivi o ottenere trofei (un esempio può essere la Fiorentina), mentre altre sono in grado di vincere anche avendo sempre un possesso inferiore all’avversario (il Leicester di Ra- nieri ne è un fiero esempio).

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di novembre in edicola o in abbonamento

Campetti realizzati con software YOUCOACH www.youcoach.it

 

Le soluzioni più interessanti per gli elementi del reparto mediano per attaccare lo spazio e sorprendere gli avversari col 4-3-3 e il 4-4-2.

In questo articolo analizzeremo gli inserimenti offensivi da parte dei centrocampisti nel 4-3-3 e nel 4-4-2. Prima di entrare nel dettaglio delle varie soluzioni, osserviamo quali dovrebbero essere le caratteristiche principali dei giocatori di tale reparto. A un buon centrocampista occorrono:
• importanti capacità condizionali, per partecipare con efficacia sia alla fase difensiva sia a quella offensiva;
• interessanti qualità tecniche;
• ottime doti di inserimento;
• buon tiro dalla distanza.

Il centrocampista deve essere, quindi, un giocatore completo, universale, con ottime capacità fisiche e tecniche, con elevate conoscenze tattiche e doti caratteriali e psicologiche sopra la media. Deve sapersi inserire in base al contesto di gioco per arrivare alla conclusione con un tiro da fuori area oppure attaccare la porta magari su un’azione incominciata sul lato opposto del terreno di gioco (attacco sul lato debole). Non dimentichiamo poi la capacità di superare un avversario in 1>1 per creare superiorità numerica e quella di trovare l’assist per i compagni. Logicamente sarà difficile trovare calciatori con tutte queste competenze; pertanto, sarà compito dell’allenatore valutare e studiare ogni singolo giocatore a disposizione per sfruttare al meglio le sue potenzialità e migliorare i suoi punti deboli. L’allenatore, infine, non può puntare unicamente su degli schemi codificati, da attuare quasi meccanicamente, ma deve dare alla propria squadra dei princípi di gioco in modo che i calciatori possano scegliere le soluzioni ideali in base a quanto accade sul terreno di gioco.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di novembre in edicola o in abbonamento

La scelta di questa impostazione tattica consente un inizio azione spesso in superiorità numerica. Le varie scelte di gioco e le esercitazioni per lavorare in questa direzione.

Negli ultimi anni, in Italia, è stata “riscoperta” la difesa a tre, soprattutto grazie ai successi della Juventus, in passato guidata da Antonio Conte. Nonostante le vittorie bianconere, proseguite con Allegri che ha continuato, anche se con alcuni cambiamenti, sulla stessa linea, i sistemi di gioco con difesa a tre sono stati tacciati di non essere al passo coi tempi. In questo articolo, nonostante chi vi scriva non sia un fanatico dell’organizzazione a tre in difesa, in quanto riteniamo che siano più importanti i principi di gioco rispetto alle mere dislocazioni numeriche, abbiamo pensato di approfondire tale argomento. Infatti, riteniamo che in sede di costruzione del gioco, l’inizio azione con 3 uomini presenti degli indubbi vantaggi. In più, pensiamo che ogni allenatore debba avere, al di là del proprio credo, delle conoscenze a 360° che gli permettano di adattarsi in modo efficace al contesto in cui opera.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di novembre in edicola o in abbonamento 

Campetti realizzati con software YOUCOACH www.youcoach.it

 

Inizia in questo numero il primo di tre articoli su questa metodologia. L’origine del “suspension training”, gli obiettivi e soprattutto una serie di gli esercizi da utilizzare col calciatore.

Da alcuni anni, per quanto riguarda la metodologia del training fisico, si sente parlare di allenamento funzionale, ovvero una pratica finalizzata al miglioramento del movimento e non al potenziamento del singolo muscolo. Se prima si ricercava la massa muscolare e lo sviluppo della forza massima con tutti i mezzi proiettati verso tale obiettivo (macchine isocinetiche con carichi elevati, elettrostimolazione, bilancieri...), ora si punta di più su una metodologia incentrata sullo sviluppo delle capacità coordinative, propriocettive, neuromuscolari e preventive, attraverso attrezzi definiti funzionali. Tra questi c’è il suspension training (allenamento in sospensione). Si tratta di un modalità che consente di eseguire una serie di esercizi sfruttando il peso del proprio corpo, attraverso l’uso di cinghie generalmente ancorate a un punto fisso, a circa 2 metri di altezza, per stimolare contemporaneamente: forza, resistenza, equilibrio, coordinazione, flessibilità, potenza, stabilità del tronco (core).

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di novembre in edicola o in abbonamento

Come impostare la marcatura mista su calcio d’angolo a sfavore. Le considerazioni dell’allenatore, le caratteristiche dei giocatori e il numero di calciatori “a uomo”.

Dopo aver analizzato la marcatura a zona sui corner, vediamo in questo numero come organizzare e lavorare quando si decide di effettuare un sistema misto, che prevede delle marcature a uomo e degli uomini che invece sono responsabili di difendere una zona.
Come sempre la strategia da effettuare dovrà essere scelta in base alle caratteristiche dei giocatori, a quelle degli avversari e alle “preferenze” tecnico-tattiche dell’allenatore. In questo tipo di disposizione è molto importante individuare due fattori, che determinano essenzialmente tutto lo schieramento e l’intero orientamento generale della squadra. Sono:
• il numero di marcature a uomo predisposte;
• il principio di marcamento utilizzato dai giocatori a uomo.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di novembre in edicola o in abbonamento

Un nuovo metodo di allungamento che, grazie a un semplice attrezzo, permette all’atleta di lavorare con il corpo in sospensione. Questo risulta particolarmente vantaggioso per l’incremento della mobilità e della fluidità dei gesti sportivi, oltre che per il riallineamento articolare e gli equilibri posturali.

Il Metodo APS (Allungamento Passivo-attivo in Sospensione) prevede l’utilizzo di un semplice attrezzo che mantiene sospeso il corpo dell’atleta, sottoponendolo a una forza di trazione composta da due forze divergenti. Parliamo della forza F1 verso l’alto, che viene esercitata attivamente dall’atleta, attraverso la spinta isometrica degli avambracci in appoggio sull’attrezzo, che determina un’estensione assiale del busto, e la forza F2 verso il basso, che spinge gli arti inferiori e il bacino verso terra (esercitata dalla forza di gravità e dal peso degli arti inferiori).

PER SEMPLIFICARE
Un esempio classico di trazione può essere quello di una corda tirata ai suoi estremi, in equilibrio (rispetto alle tecniche finora utilizzate). Infatti, si possono sfruttare al meglio le particolari proprietà del tessuto connettivo, che lo rendono capace di adattarsi continuamente ai vari stimoli e a lasciarsi modificare dagli stessi (proprietà nota come viscoelasticità).

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di ottobre in edicola o in abbonamento

La struttura e l’organizzazione di queste attività da sviluppare con e senza palla. Le esercitazioni.

Per “intermittente” si intende un tipo di attività in cui vi è un susseguirsi di alcune fasi di esercizio che possono essere a intensità costante (A) o variabile (B), intervallate da altre di riposo oppure a minore intensità (figura nella pagina a lato).

L’esercizio intermittente è caratterizzato da:
un numero e una durata di fasi;
una durata delle pause e/o delle fasi di esercitazioni a minore intensità;
un’intensità metabolica di ogni fase.

In pratica prevede:
il buon funzionamento del meccanismo intramuscolare e del trasferimento di ossigeno assicurato dalla mioglobina;
una ripetizione di esercizi di corta e media durata (solitamente 10’’, 20’’ o 30’’) e un recupero, il più delle volte, pari al tempo di lavoro;
una ridotta sollecitazione del meccanismo lattacido.

Si tratta, in pratica, di una corsa ad alta intensità, uguale o superiore alla Velocità Aerobica Massimale (VAM), seguita da un successivo periodo di recupero, in cui la velocità è pari al 60- 65% della VAM stessa.

Si può effettuare:
su un unico tratto rettilineo;
su più tratti a navetta;
con cambi di direzione.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di ottobre in edicola o in abbonamento

Come comportarsi e quali decisioni prendere quando si deve contrastare una situazione di palla ferma. L’analisi della marcatura a zona su calcio d’angolo.

Zona o misto? Quando un allenatore deve preparare le palle inattive e allenare la sua squadra in questa fase di gioco, il primo dilemma pare essere la scelta se schierare il proprio undici nei calci piazzati difensivi con marcature a zona o con un sistema misto, che preveda delle marcature a uomo e degli uomini di zona alla ricerca della palla.
Il tecnico deve conoscere bene le tue tipologie di schieramenti in modo tale da variarli, nel corso della stagione, per proporre sempre il migliore in funzione dei giocatori a disposizione e degli avversari da affrontare. In questo articolo parleremo di come impostare e come lavorare sulla difesa a zona su corner contro, modalità che specie nelle ultime stagioni ha riscosso molto successo nelle scelte degli allenatori di varie categorie.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di ottobre in edicola o in abbonamento

Allenamento fisico. Adulti
Le modalità per favorire il recupero dopo una partita. Reidratazione, ripristino del glicogeno, freddo, sedute dedicate e altre interessanti soluzioni.

I risultati delle attuali ricerche scientifiche hanno dimostrato che l’organismo del calciatore, dopo 72 ore dalla fine di una partita, non ha recuperato compiutamente. Nella programmazione dell’allenamento, l’utilizzo di adeguate strategie di recupero velocizza il ripristino dello stato psicofisico e permette di affrontare al meglio la ripresa del training e la gara. Il programma di recupero del calciatore professionista è molto complesso, in particolare se gli impegni internazionali lo costringono a disputare, nell’arco della settimana, tre gare, soprattutto se quest’ultime si svolgono di sera e sono accompagnate da lunghi trasferimenti. Al contrario, per il “dilettante”, che svolge 4-5 sedute di allenamento settimanali prima della gara, il recupero è meno complicato, ma riveste comunque grande importanza.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di ottobre in edicola o in abbonamento

Allenamento. Adulti
Le soluzioni ideali per mettere in difficoltà i diversi sistemi di gioco con una disposizione tattica con 2 punte e un rifinitore.

In questo articolo metteremo in evidenza azioni e comportamenti di 2 attaccanti più un trequartista nel 4-3-1-2 e nel 3-4-1-2. Il giocatore di maggiore importanza in questi 2 moduli è senza dubbio il trequartista: infatti, avere un elemento posizionato tra le linee avversarie è un vantaggio tattico notevole e deve diventare un punto di forza per tutte le manovre offensive.

Le punte, in linea di massima, devono agire piuttosto larghe dovendo collaborare con la propria catena laterale. Potranno attaccare più facilmente la profondità visto che l'appoggio ai compagni arretrati verrà dato prevalentemente dal rifinitore.

Il triangolo offensivo attaccanti-trequartista consente un'ottimale sincronizzazione di movimenti, creando i presupposti per attacchi centrali e laterali. La tecnica di rifinitura privilegiata rimane comunque il passaggio filtrante del trequartista per i tagli delle 2 punte.

L'articolo completo su IL NUOVO CALCIO di ottobre in edicola o in abbonamento.